gatto

Numerosi studi scientifici affermano che adottare un gatto porta numerosi benefici alle persone con cui vive, di qualsiasi età esse siano.

In particolare, crescere con un gatto fa bene ai bambini perché gli insegna il rispetto per gli altri e li responsabilizza, nella loro cura.

Gli scienziati sono inoltre daccordo sul fatto che crescere con un gatto aumenti l’autostima dei bambini e lo sviluppo sensoriale.

Addirittura sembra che, contrariamente a quanto si possa pensare, diminuisca la possibilità di sviluppare allergie nel corso della crescita.

C’è poi un altro benefico, che forse non si può mettere in una ricerca scientifica o in una statistica, ma non per questo è meno importante. 

Il beneficio di avere un amico.

Che stia su quattro zampe invece che su due infatti, secondo me poco importa,  gli animali che abbiamo in casa, e in questo caso il gatto, diventerà per i nostri bambini un amico a tutti gli effetti.

I gatti infatti conoscono i loro padroncini e sanno come stargli vicino, condividono con loro tanti momenti, da quelli belli a quelli meno, e crescono con loro.

L’amore che c’è tra le mie bambine e il nostro gatto ci sarà per sempre, e anche quando Luna non ci sarà più, mi auguro il più tardi possibile, lei sarà per sempre nel cuore delle mie bambine.

Quando vedo Cecilia che legge un libro a Luna, o Carolina che la porta a spasso con il suo passeggino delle bambole, capisco che lei è una loro amica. Anzi addirittura la chiamano la loro sorellina più piccola!

E sanno perfettamente che Luna non è un giocattolo, che spesso si ribella e non fa quello che vogliono loro, come un qualsiasi loro amico che ha voglia o meno di partecipare ad un gioco.

15145039_10211029181627473_1594773912_o

Crescere con un gattino è un enorme regalo che possiamo fare ai nostri bambini, con l’augurio che li accompagni il più possibile nella loro crescita.
 
Per questo è importante prendersi cura dei nostri gatti quotidianamente, non acquistando le prime crocchette che ci capitano sotto mano, ma facendo lo sforzo di guardare almeno una volta gli ingredienti anche per loro.

Quando il gatto è felice, in salute e pieno di vita anche i suoi padroncini sono felici.

Quindi è importante scegliere degli alimenti per gatti che assicurino una protezione completa per una vita sana a prescindere dall'età o dallo stile di vita.

Come vi avevo già raccontato tempo fa, a Luna piacciono tantissimo i croccantini PERFECT FIT™, una linea di alimenti secchi per gatti sterilizzati veramente di qualità.

I croccantini PERFECT FIT™ sono i primi a combinare 5 benefici in un'unica FORMULA TOTAL 5 rispondendo alle esigenze di salute comuni a tutti i gatti di tutte le età:
  • 1.Mantenimento del Peso Forma: Formulato con una combinazione di L-carnitina, un elevato livello di proteine e un ideale apporto calorico che aiuta a mantenere il peso forma
  • 2.Benessere del Tratto Urinario:Formulato con il giusto bilanciamento di minerali per favorire il benessere del tratto urinario
  • 3.Digestione Ottimale:Realizzato con proteine di alta qualità e riso facilmente digeribili dal tuo gatto
  • 4.Difese Naturali Forti:Con aggiunta di taurina, vitamina E e vitamina C che aiutano a supportare le sue difese naturali
  • 5.Pelle e Pelo in salute:Contiene biotina, zinco e olio di girasole, una fonte naturale di acidi grassi omega 6 che aiutano a mantenere pelle e pelo in salute
Queste crocchette sono state un super food per Luna che questo inverno ha passato una brutta avventura (tanto per cambiare!! Pur vivendo in casa ha la patente per mettersi nei guai!!).

Ha dovuto infatti subire un intervento perché giocando con un qualcosa di piccolo (non abbiamo ancora capito cosa fosse!!) per sbaglio lo ha ingerito e abbiamo dovuto operarla.

La nostra piccola peste pelosa ne è uscita deboluccia e dimagrita, ma per fortuna nel giro di qualche settimana si è rimessa in forze, probabilmente anche grazie alla validità di queste crocchette #PerfectFitCat, che le hanno fatto tornare fin da subito l’appetito!

2
pulire materasso acari

La primavera è una stagione meravigliosa, dove noi e la natura ci risvegliamo dopo la pigrizia dell’inverno.

Finalmente si torna a pasare più tempo all’aria aperta, si aprono le finestre e si slacciano i giubbotti.
Anche la sveglia al mattino è molto più piacevole, con il sole che finalmente si sveglia prima di noi, e gli uccellini che cinguettano.

MA la primavera può trasformarsi in un vero incubo, per chi soffre di allergia.

Purtroppo poi per i malcapitati, non si è al riparo neanche tra le quattro mura di casa, con le finestre chiuse.

Basta pensare al materasso, dove passiamo tante ore sdraiati.

Per questo risulta fondamentale l'eliminazione degli acari e la disinfezione di batteri e allergeni con un prodotto che faccia veramente quello che promette.

Mio marito soffre di allergie e per questo ho provato ad utilizzare un detergente specifico per pulire e disinfettare il nostro materasso, per essere sicura di essere in un ambiente il più possibile libero da allergeni almeno nelle ore in cui i dorme e il nostro corpo recupera energie.

3

In particolare, ho provato Vi+Sept, un detergente perfetto per prevenire la formazione degli acari nei tessuti. 

Mi è bastato dare un’unica applicazione per disinfettare ed annulla la formazione delle colonie acaridiche.

In questo modo so che il nostro sonno sarà protetto e anche se non si hanno particolari allergie, bisogna pensare anche a prevenirle, non esponendoci troppo a lungo e ripetutamente agli allergeni.

Il prodtotto consiste in uno spruzzatore che va riempito di 500ml d'acqua e una compressa del prodotto. Dopo circa dieci minuti il prodotto è attivo e durerà circa per 200 vaporizzate.  

La soluzione è attiva per 5 giorni dalla data della preparazione. 

Dopo aver spruzzato il prodotto bisogna lasciarlo lasciarlo agire ed asciugare per circa 15 minuti. 

Vi Sept  non sviluppa vapori irritanti o tossici e a contatto con l’urina non sviluppa cloro. 

Il prodtto che ho utilizzato Vi+Sept, fa parte della famiglia PerDormire, un brand di proprietà del Materassificio Montalese, storica realtà pistoiese specializzata nella produzione artigianale e nella distribuzione di materassi e letti 100% made in Italy.

PerDormire si occupa di tutti i prodotti che compongono il sistema letto: struttura, rete, materasso e guanciali e non solo, ma anche di tutti gli aspetti che riguardano il dormire bene e il benessere del sonno.
E tu come la fai

Avete visto il nuovo video di Hera per promuovere ed incentivare la raccolta differenziata??
Se la risposta è no... fatelo!! E' bellissimo! 

Io la faccio senza dubbio da apocalittica mentre mio marito da apatico!! 

Voi come la fate?? 

I
n qualsiasi caso, che tu voi facciate da pignoli, da apocalittici, da apatici,da emotivi o da complottisti... l'importante è che LA FACCIATE!! 

Se facciamo la raccolta differenziata possiamo recuperare materia e risparmiare risorse!! 

Non vorrei passare da talebana o, appunto, da apocalittica, ma non fare la raccolta differenziata nel 2018 mi sembra una cosa totalmente anacronistica!

Ed insegnare a farla ai nostri bambini è una cosa altrettanto importante.

Mi è capitato più volte magari di fretta, con un’enorme confusione in casa, tipo esplosione nucleare, di dire, vabbè adesso butto tutto nell’indifferenziata che faccio prima, poi da domani rigo dritto.

La mia coscenza ecologica però mi ha sempre impedito poi di farlo, perché sono sempre stata abituata così.

Buttare della carta nel bidone che non sia della carta per me è impensabile, così come non butterei della cartaccia per terra.

Capita a volte di avere dei dubbi o essere indecisi su dove buttare un involucro o come comportarsi, è assolutamente naturale perché spesso ci sono materiali che possono confonderci.

Proprio per questo scopo è nata l’App gratuita “Il Rifiutologo”, dove è possibile trovare informazioni dettagliate su come riciclare ogni scarto, pacchetto o confezione, una guida importate per aiutare i cittadini che risiedono nei territori serviti da Hera a migliorare la qualità della propria raccolta differenziata.

In alternativa trovate tantissime informazioni anche sul sito di www.ilrifiutologo.it.

Sul sito di Hera potrete anche trovare l’interessantissimo “Sulle tracce dei Rifiuti" per scoprire dove va a finire la raccolta differenziata, e le iniziative di Hera per l'economia circolare!

E convincervi se fate parte degli apatici o ne avete qualcuno in casa!! 

Scoprirete infatti che ogni anno Hera recupera il 94% dei rifiuti che, grazie all’impegno di tutti, sono stati differenziati.

marta & ketut baby bracelet(1)

Non c’è un momento più magico della nascita di un bimbo. 

E non c’è niente più difficile che trovare un regalo speciale per i bambini. 

I vestiti? 

La nonna ha pensato a tutto il necessario. 

Biancheria? 

La zia l’ha già fatto. 

Peluche o giocattolino? 

Ma chi vuole riempire la casa di troppe cose che prima o poi finiranno nella spazzatura... 

Ci vorrebbe qualcosa di bello e unico che magari il bebè potrebbe anche conservare per tutta la vita.
Se sei a corto di idee regalo per neonati, ecco Nusa che ti riempirà di illuminazione divina. 

Nuovo brand di gioielleria artigianale, in argento sterling 925 made in Bali, Nusa ha una bellissima collezione di gioielli per bambini ispirata alla tradizione balinese di Nyabutan. 

Una parola difficile da pronunciare ma la cerimonia è davvero bella. Devi sapere che a Bali i bambini sono visti quasi come degli dei. Il neonato è considerato la reincarnazione di un membro della famiglia che torna tra i suoi discendenti. 

Ancora facendo parte del mondo ultra terrestre, i bambini sono sacri e non possono mettere i piedi per terra per i primi 105 giorni. Il nuovo arrivato è tenuto sempre in braccio da tutti – parenti, vicini, amici e così via. Passati poco più di tre mesi è il momento della cerimonia in chi si chiede a Madre Terra di proteggere il bambino e finalmente il piccolo può toccare la terra. 

È proprio durante questo rito che il bebè riceve il suo nome e come dono dei bellissimi gioielli, come bracciali e cavigliere, purificati con dell’acqua benedetta. 

Non occorre fare un viaggio a Bali per portare a casa uno di questi splendidi gioielli. 

Sul sito di Nusa, c’è una collezione dedicata ai bebè! E già che ci sei, perché non prendere un monile anche per te stessa? Anche le mamme hanno bisogno di coccolarsi ogni tanto! 

Scopri tutta la gamma Nusa su www.nusa.studio, gioielli artigianali in argento sterling 925 fatti a Bali. 


Usa il codice esclusivo mammarum25 e otterrai uno sconto del 25% sul tuo acquisto. 

Senza costi aggiuntivi di spedizione, Nusa spedisce in tutto il mondo! 

Lasciati affascinare, entra nell’Universo Nusa, handcrafted in Bali.

Mi è capitato più volte di mangiare in giro dei deliziosi veggie burger, veramente molto simili agli hamburger originali, sopratutto poi se messi dentro ad un buono panino (qui trovi la ricetta per il pane per hamburger senza uova, senza burro e senza latticini, quindi una versione super leggera e sana, sofficissimi e buonissimi!).

Riprodurli in casa a volte però può non essere semplice perché magari vengono poco saporiti, o troppo morbidi, o comunque molto diversi da quelli comprati, e questo mi ha sempre fatto sospettare sulla genuinità degli ingredienti utilizzati.

Invece devo ricredermi perché questi veggie burger di lenticchie sono veramente buoni!

Anche la consistenza è ottima. Se li volete ancora più sostanziosi potete aggiungerci anche del riso semi-integrale lessato a parte. Dato che però noi li abbiamo mangiati dentro ad un panino mi sembrava più equilibrato prepararli solo di lenticchie.

Le lenticchie non dovrebbero mai mancare nelle nostre tavole, perché sono un'importantissima fonte di nutrienti, in particolare per quel che riguarda il ferro!

Per aiutare l'assorbimento del ferro, ricordatevi che è buona norma associare gli alimenti ricchi di elemento ad un alimenti ricco di vitamina C!

Perciò i contorni perfetti per i veggie burger di lenticchie possono essere, quando di stagione, i peperoni ( i gialli sono quelli che contengono più vitamina C, a seguire i rossi e per ultimi i verdi).

Anche un'insalata di lattuga o spinaci , oppure i pomodori, contengono una buona dose di vitamina C.
Perciò aggiungendo nel nostro panino insalata e pomodoro, non solo lo rendiamo delizioso, ma aumentiamo anche l'assorbimento del ferro da parte dell'organismo.

            Leggi anche: Gli alimenti per bambini più ricchi di vitamina C 

Gli hamburger, intesi come medaglioni di qualche cosa, sono veramente un ottima risorsa per fare mangiare ai bambini ingredienti che magari in genere non amano, come i legumi, oppure sono più semplicemente un modo per farglieli apprezzare ancora di più.

Sono anche ottimi per noi mamme o papà, che possiamo prepararli in anticipo e congelarli, e tirarli fuori all'occorrenza.

Vi lascio allora con la ricetta di questi veggie burger di lenticchie, mentre qui trovate una nutrita lista di hamburger di legumi, verdure o pesce, per tutti i gusti!!!

Ricetta veggie burger di lenticchie

Ingredienti veggie burger di lenticchie:

200g di lenticchie piccole (le mie non richiedono ammollo)
1 cipolla
1 carota
10 cucchiai di passata di pomodoro 
Pangrattato q.b. 

Procedimento veggie burger di lenticchie:

Veggyburger di lenticchie vegan01Veggyburger di lenticchie vegan02 
Tritate la carota e la cipolla e mettetela a stufare con qualche cucchiaio di acqua. 
Intanto mettete le lenticchie in un colino e sciacquatele sotto l'acqua fredda corrente.
Dopo qualche minuto aggiuntele nella pentola, e portatele a cottura aggiungendo acqua di tanto in tano.

Veggyburger di lenticchie vegan04Veggyburger di lenticchie vegan05 
Con un frullatore ad immersione frullate grossolanamente parte dell'impasto e lasciatelo intiepidire. Trasferitelo poi in una ciotola e aggiungete il pangrattato necessario per ottenere un composto sodo.
L'impasto degli  hamburger si lega perfettamente, ma se vi trovaste in difficoltà potete aggiungere tranquillamente un uovo.

Veggyburger di lenticchie vegan06Veggyburger di lenticchie vegan17 
Con la pressa per hamburger (o eventualmente se non l'avete con le mani o l'hamburger maker fai da te) realizzarte i vostri hamburger e cuoceteli in una padella antiaderente qualche minuto per lato o in forno a 180° fino a doratura (15 minuti circa).
Servite i vostri hamburger di lenticchie caldi.

Varianti e consigli per i veggie burger di lenticchie:
  •  Potete ottenere degli hambuerger di lenticchie senza glutine sostituendo il pan grattato con della farina di ceci oppure ovviamente con del pangrattato senza glutine.
  • Potete congelare gli hambuerger di lenticchie separandoli tra loro con della carta da forno o gli appositi dischetti antiaderenti.


fazzoletti tenderly

Ovvero addio nasini rossi…
Solo alle mie bambine, quando hanno il raffreddore, si arrossa così tanto il naso da fargli male?

Così iniziano le stagioni dei nasi bianchi, della crema idratante messa in grandi quantità sui nasini delle mie delicate principesse, che si trasformano in buffi (e lamentosi!!) clown!

L’inverno ci sta ormai salutando e vi dirò che non mi dispiace per niente! 

Dal punto di vista di influenze e raffreddori vari è stato molto lungo e impegnativo!

Chi si è beccato questa influenza 2018, o ha avuto in casa qualcuno che l’ha avuta, sa esattamente di cosa sto parlando!

E così durante questa stagione ci hanno fatto compagnia non solo febbre e malesseri vari, ma anche tanti nasini rossi!

E si sa, la pelle dei bambini è delicata come quella dei principi e delle principesse!

Per fortuna ci hanno fatto provare ed abbiamo scoperto Tenderly “Carezza di Latte”, i nuovi fazzoletti con fibre naturali di latte. 

IMG_1655

Si tratta di un’esclusiva formulazione Tenderly ottenuta grazie all’innovativa applicazione delle fibre naturali di latte QMILK®, 100% naturale, che rendono la carta pura e delicata.

I fazzoletti Tenderly Carezza di Latte sono gli unici fazzoletti con queste fibre naturali, ottenute senza l’ausilio di agenti chimici.

Se è vero che prestiamo attenzione a quali bagnoschiuma, shampoo e creme utilizzare per noi e per i nostri bambini, e li cerchiamo ovviamente il più naturali e delicati possibili, lo stesso va fatto anche per fazzoletti e carta-igenica.

Anche loro infatti entrano a contatto con la nostra pelle, anzi lo fanno anche in parti  molto delicate.
Per questo è importante scegliere prodotti naturali che non contengano additivi chimici e che, per questo motivo siano più delicati.

Se volete avere più informazioni sulla linea #tenderly “Carezza di latte “ visitate questo link e scoprite di più su questi prodotti e la loro composizione e produzione!


salsa al curry light e veloce

La settimana scorsa avevo promesso a Cecilia di andare all’Ikea, così ho approfittato del primo giorno in cui il babbo non c’era a pranzo, sono passata a prendere prima Carolina all’asilo e poi 

Cecilia a scuola e siamo partite direzione Ikea.

Prima di fare il nostro bel giretto per le corsie ci siamo fermate al ristorante, perché io e Cecilia dovevamo ancora mangiare.

A dire il vero a me non è che attiri tropo il ristorante dell’Ikea e non capisco neanche perché attiri le mie figlie, dato che alla fine ordinano pasta in bianco o al pomodoro! 

Evidentemente, come si sa, la novità ha sempre il suo fascino!

Io ho ripiegato su un trancio di salmone alla griglia e del riso in bianco con la salsa al curry.

Quando però mi sono seduta e l’ho assaggiato ho scoperto che il riso era praticamente crudo e ahimè immangiabile!

Insomma tutto questo preambolo per spiegare come mi sia venuta e rimasta un’enorme voglia di riso con salsa al curry!

Quando però pensavo alla mia salsa al curry ideale pensavo a qualcosa di delizioso e cremoso ma senza la pesantezza del latte o della farina, senza tanti strani intrugli o preparazione!

Così mi è venuto in mente di utilizzare la delicatezza, la morbidezza e il colore delle carote lessate per creare una cremosa salsa al curry che avvolgesse il mio riso integrale!

L’idea è stata vincente, tanto che è piaciuta molto anche a Carolina ed è stata completamente divorata da Cecilia!

E' la prova che le spezie, magari dosate senza caricare troppo, possono tranquillamente piacere anche ai bambini!!

Questa salsa è perfetta per accompagnare del riso (meglio se integrale o semi-integrale se integrale non vi piace) ma potete anche arricchirla con gamberetti, piselli, pollo, e tutto quello che vi piace e pensate possa starci bene! Ma è ottima e corroborante anche solo così!

Salsa curry veloce vegan09

Ricetta salsa al curry light e veloce (vegan senza latte)

Ingredienti per la salsa al curry:
1 cipolla
3-4 carote
Sale
Olio extra vergine di oliva
Curry

Procedimento per la salsa al curry:
Salsa curry veloce vegan01Salsa curry veloce vegan02
Tagliate a pezzettini la cipolla e mettetela a stufare in padella con due cucchiai di acqua e un pizzico di sale. Non aggiungete olio!
Dopo qualche minuto aggiungete le carote tagliate a pezzetti. Io le ho tagliate a rondelle per velocizzare la cottura.
Quando l’acqua si sarà asciugata, aggiungetene sempre qualche cucchiaio alla volta.
Verso metà cottura aggiungete il curry ed assaggiate.
Portate le carote a cottura, aggiungendo sempre un po’ di acqua se necessario.

Salsa curry veloce vegan05Salsa curry veloce vegan06
Quando le carote saranno morbide, mettetele nel boccale del minipimer, aggiungete un cucchiaio di olio extra vergine di oliva e frullate fino ad ottenere un composto omogeneo.
Aggiungete se necessario qualche cucchiaio di acqua se la crema risulta troppo densa, ed assaggiate per sentire se c’è bisogno di aggiungere ancora curry in base ai vostri gusti.

Varianti e consigli per la salsa al curry:
  • A questa salsa al curry potrete aggiungere anche piselli saltati in padella, gamberi a vapore, e tutto quello che vi piace e pensate possa starci bene.
  • Potete usare la salsa al curry anche per condire la pasta o da spalmare su pane e crostini
  • Potete preparare la salsa al curry in anticipo e servirla sia fredda che scaldata all’ultimo minuto.
  • Potete sostituire la carota con la zucca. Ringrazio Alessia Cattaneo per avermi suggerito questa variante sulla pagina Facebook di Mammarum.
Salsa curry veloce vegan14
Frittata nel toast

Ecco la seconda ricetta che è perfetta per San Valentino, ma anche per qualsiasi altra occasione in cui rendere speciale un toast e una frittata!

E’ una ricetta veramente versatile perché potrete usarla per una colazione speciale, ma ovviamente anche un pranzo o una cena!

Noi abbiamo usato del pane per toast semi-integrale veramente buono, ma potrete sostituirlo con del qualsiasi pane in cassetta o bauletto, meglio ovviamente se integrale, ai cereali o simili!

Qui tra i lievitati potete trovare qualche ricetta di pane che può fare al caso vostro!

Non è assolutamente difficile fare del buon pane in cassetta in casa, l’unica cosa di cui avrete bisogno per dargli la sua forma rettangolare è l’apposito stampo che potete trovare su Amazon (questo per intenderci)!

Ricetta Frittata nel toast


Ingredienti:
1 uovo a persona
1 fetta di pane in cassetta a persone
Stampo taglia biscotti della forma preferita
 
Procedimento:
DSC_0158DSC_0160
 Ritagliata dal pane la forma del taglia biscotti che avete scelto.
Ungete con un filo d'olio una padella antiaderente, appoggiate la fetta di pane e il ritaglio che avete ottenuto, e rompete l'uovo al centro del buco.

Coprite con un coperchio e cuocete per circa 5 minuti abbassando la fiamma, fino a che l'uovo non si è rappreso.

Giratelo poi con una spatola sull'altro lato e proseguite la cottura per un altro minuto.

Servite caldo.



DSC_0181
Pomodorini a forma di cuore

Ecco arrivato San Valentino

Voi lo festeggiate... se così si può dire??

Io sono piuttosto d'accordo su tutti quei discorsi sul fatto che ci si debba volere bene e dimostrarselo un po’ tutti i giorni! 

Ma è anche vero che a volte la frenesia e gli impegni del quotidiano non ci danno il tempo di dimostrare ogni giorno quanto ci vogliamo bene!

Perciò San Valentino è un’ottima occasione per prendersi un pochino di tempo per ricordare alle persone che abbiamo vicino quanto gli vogliamo bene!

Magari non c’è neanche bisogno di un regalo.

Un bigliettino, una torta fatta in casa o un cenetta romantica sono già per me un bellissimoSan Valentino!

Il mio San Valentino perfetto poi non è a due ma a 4, perché non potrei mai tagliare fuori le mie due cucciole di cui sono perdutamente e follemente innamorata!

E poi il 13 febbraio è il nostro anniversario di matrimonio, non vorrei che troppe cenette romantiche a due ci facessero male!!!

Vediamo allora come preparare i facilissimi e velocissimi pomodorini a forma di cuore!

Ovviamente nessuno vi vieta di prepararli anche gli altri 364 giorni dell’anno!

Io sono una mamma super apprensiva quindi cmq ci tengo a dirvi di stare attente agli stecchini.

Volendo potete fare tranquillamente i cuori senza stuzzicadenti.

Il pomodoro dentro essendo umido diventa appiccicoso e le due parte di attaccano perfettamente!

DSC_0185

Pomodorini a forma di cuore

Lavate e tagliate i pomodorini trasversalmente, tenete le due parti più lunghe e accoppiatele a due a due, tenendole unite se preferite con uno stecchino!
Et voilà, i pomodorini a forma di cuore sono pronti!
Più facile a farsi che a dirsi, date un'occhiata alle foto sotto per il procedimento passo passo!

Pomodorini a forma di cuore1

Pomodorini a forma di cuore2

Pomodorini a forma di cuore3

Pomodorini a forma di cuore4


carnevale idee divertenti

La settimana scorsa mi ha chiamato una mia amica chiedendomi qualche suggerimento per un costume di carnevale per il figlio di 11 anni.

Il suo ragazzo infatti voleva divertirsi e stupire i suoi amici ma non aveva in mente molte idee, o se vogliamo essere precisi, le idee che aveva lui non piacevano troppo alla mamma.

Avevo visto da poco pubblicizzate on-line queste maschere ecmi sono subito venute in mente, e gliele ho proposte!

Visto l’entusiasmo e la felicità con cui è stata accolta l’idea da mamma e bambino, ho pensato di proporvele anche a voi!

71Lgv8vn2HL._SL1500_71O96r3CetL._SL1200_

Effettivamente è un’idea veramente carina ed originale e se vogliamo anche economica, perché con poco più di 10 euro il costume è pronto.

Infatti basterà indossare la maschera e vestirsi con i propri abiti abituali e il travestimento è fatto!

61lo9YBUrWL._SL1000_71vdVnw9FDL._SL1200_

E sarà divertentissimo vedere un cavallo in camicia e jeans, una giraffa vestita o una zebra con la giacca.

Le maschere sono in lattice e sono adatte sia ai bambini che agli adulti.
Leggete comunque le descrizione e i commenti eventualmente della maschera che vi interessa (questo vale per tutto quello che si acquista su Amazon!)!


chiacchiere al forno

Finalmente ho trovatola ricetta perfetta delle chiacchiere al forno!
Il dolce di Carnevale per eccellenza per me sono le chiacchiere.
In casa mia io le ho sempre chiamate così o fiocchetti, ma senza andare in altri paesi o regioni, già molte mie amiche le chiamavano frappe!
Oppure c'è chi le chiama bugie, frappe, frappole, galani, crostoni,è incredibile quanti nomi diversi abbiano!
Fatto sta che ogni anno cerco di ricreare una ricetta che sia soddisfacente delle chiacchiere al forno, e ogni anno puntulamente resto delusa.
Ho provato diverse ricette on line e ho provato anche modificandole, ma niente!
Anche quest'anno ci ho provato, e finalmente l'ho trovata!
Ci credete che le preferisco a quelle fritte!
Ho già ripetuto la ricetta due volte ed è piaciuta a tutti, anche ad amichetti in visita! E questa è stata un'ottima prova!

Leggi tutte ricette di Carnevale

Chiacchiere al forno

Ingredienti:
120g farina tipo 1
1 uovo
10g olio di mais
10g zucchero di canna
1 cucchiaio di anice
1 limone naturale

Opzionale:
1 cucchiaino di zucchero a velo
Procedimento:
27604127_10215097625736033_67287278_o27604541_10215097625696032_1939710937_o(1)27537679_10215097625656031_1822236583_o 
Mettete lo zucchero, l'uovo, l'olio e l'anice in una ciotola e sbattete insieme gli ingredienti.
Grattate un po' di buccia di limone e aggiungete la farina e mescolate fino ad ottenere un impasto omogeneo.
Stendete la pasta molto sottile.

27604670_10215097625336023_230814597_o(1)27605334_10215097625456026_334844661_o(1)27651192_10215097625136018_835175238_o 
Con un coltello o un tagliapasta ritagliate tanti rettangoli e affettuate un'incisione anche al centro.
Cuocete in forno caldo ventilato a 200° per circa 7-10 minuti a seconda della grandezza (la prima volta io le ho fatte piccoline la seconda più grandi). Sono comunque pronte non appena i bordi sono dorati. 

Sono buone così, spolverate con un cucchiaio di zucchero a velo o del cioccolato fondente fuso.
6716445021_83db499edb_z

Il 27 gennaio è il Giorno della Memoria, un giorno nato per ricordare le vittime dell'Olocausto

Si è deciso di celebrare il Giorno della Memoria il 27 gennaio perché in quel giorno del 1945 le truppe dell'Armata Rossa liberarono il campo di concentramento di Auschwitz.

Non so se domani nella scuola di Cecilia, che frequenta la seconda elementare, la maestra deciderà di parlare di questa data.

Credo che sia sicuramente presto per le mie bambine, anche per la più grande, sentire parlare e raccontare dell’Olocausto in maniera troppo esplicita, spiegando dettagliatamente che cosa è stato. Ma penso che sia di sicuro importante spiegargli che in questa data si ricorda che tanti anni fa, durante la seconda guerra mondiale, milioni di uomini, donne e bambini sono stati perseguitati con le leggi razziali e poi portati nei lager da dove, solo in pochi purtroppo sono tornati.

E' probabile che le mie bambine i chiedano perché ricordare una cosa così brutta.
Che forse sarebbe meglio dimenticarla.

E io gli rispondero che ricordare l’Olocausto e non dimenticare quelle sofferenze, serve perché non venga mai ripetuto, serve per commemorare quelle persone che non ci sono più, e serve perché purtroppo ogni giorno esistono anche tante altre grandi e piccole discriminazioni verso chi ci sembra diverso da noi.

Infatti tra bambini è facile che il diverso o anche semplicemente l’estraneo possa essere motivo di scherno o di paura.

Io vorrei cercare di insegnare a Cecilia e Carolina che non è chi è diverso da noi che deve farci paura, anzi è proprio dal diverso che spesso possiamo imparare qualcosa di nuovo!

E non solo non deve spaventare chi è diverso noi, ma non dobbiamo avere noi paura per primi di sentirci diversi.

Io vorrei che le mie le mie bambine imparino ad apprezzare la diversità. E che sappiano riconoscere denunciare la discriminazione quando lo vedono o la subiscono.

Per questo domani parlerò del Giorno della Memoria, perché sappiano che è importante per evitare nuove sofferenze oggi, ad altre persone e ad altri popoli, in qualsiasi parte del mondo.
Perché la pace è possibile e dipende da ognuno di noi, e si può coltivare da quando si è piccoli.

C'è una frase molto bella attribuita ad Albert Einstein che leggerò domani alle mie bambine e che spero ricorderanno sempre (c'è chi dice che non sia sua, ma poco importa!).

A chi infatti gli chiedeva qual era la sua razza, Albert Einstein rispondeva : “la razza umana”.

Photo credits