dyson senza fili

“Se ami qualcuno lascialo libero. Se torna da te, sarà per sempre tuo, altrimenti non lo è mai stato.”
Mio caro A.,
con questa frase, voglio iniziare questa lettera che sto per scriverti.
Questa situazione va avanti da troppo tempo.
A dire il vero, all’inizio io neanche me ne accorgevo, di come tu, subdolamente, mi tenessi legata a te.

Bloccata.
Non voglio rinnegare tutto il nostro passato.
Siamo stati anche bene insieme io e te, lo so.
Ma ogni volta che io cercavo di allontanarmi, tu mi bloccavi.

Non mi lasciavi andare.
Credi debba veramente funzionare così un rapporto a due?
Chissà per quale paura poi.
Forse temevi proprio che io non tornassi più da te?
Le ho provate tutte, mi sono piegata, messa in ginocchio davanti a te, ma tu niente.
Quante volte ho dovuto dimenarmi, tirare, imprecare, implorarti di lasciarmi andare, di non fermarmi, anche solo per un metro più avanti.
Ma tu no, lì mi volevi tenere.
Ma sai che c'è di nuovo invece?

Che io voglio andare dappertutto!
Non voglio più essere bloccata da te e dai tuoi limiti!
Quanti mobili e porte abbiamo rovinato durante i nostri inutili litigi?
Inutili sì, perché tanto tu non cambierai mai!
Non sei mai stato davanti a me sempre dietro, come una ruota di scorta, ed io costretta a trascinarti per andare da qualsiasi parte!

Mai che tu avessi un po’ di iniziativa!
E poi, adesso che siamo qui, te lo voglio proprio dire.
Lo sai che sei pesante?
E te lo dico io, che sono anni che ti conosco!
Il mondo è fatto a scale, lo so.
E anche casa mia.
E tu sei pesante da portare su e giù.
Chinati, stacca e attacca la spina.
Mio caro Aspirapolvere con i fili, mi dispiace, ma è venuto il momento di dirtelo che vedo un altro.
Lui si chiama V8, e mi lascia libera.
lferris


Il nuovo Dyson V8 Cordless Vacuums
  • E ' perfetto sia per tappeti che per pavimenti, sempre pronto all'uso grazie alla stazione dove si  ripone e si ricaric.
  • Dura a lungo, la durata della batteria è di 40 minuti, rispetto ai 20 minuti dei modelli precedenti, ed ha un nuovo indicatore dello stato della batteria per controllare la durata residua.
  • E' 50% più silenzioso rispetto agli apparecchi delle precedenti generazioni.
  • Ha una maggiore capacità di aspirazione, adatta ai compiti più difficili e attivabile con un nuovo interruttore più intuitivo.
  • Cattura gli allergeni ed emette aria più pulita.
  • Include numerosi accessori, per rimuovere polvere e sporco ovunque si annidino. Ogni accessorio è concepito per un compito specifico e tutti gli accessori sono dotati di sistema a sgancio rapido, per passare in tutta semplicità da uno all’altro.
  • E' dotato di un sistema igienico di svuotamento
  • Pesa solo 2,6 kg ma è solido e robusto, realizzato con materiali resistenti e selezionati per durata e leggerezza.

dball


Insomma il nuovo Dyson V8 è Potentissimo, versatile e leggerissimo!

Bye bye vecchio aspirapolvere!!

Approfitta dell’offerta esclusive di Dyson per i lettori di Mammarum! Clicca al link sotto per prenotare la tua offerta!!






ricetta peperoni ripieni quinoa

Il peperone è un po’ così: o lo ami o lo odi!
Io faccio parte della prima categoria, e lo amo in tutti i modi e tutte le sue forme: crudo, cotto, come contorno, come condimento, sulla pizza!
Per fortuna anche le mie bambine amano i peperoni allo stesso modo, in particolare Cecilia che ne va matta!

Ma lo sapevate che un peperone contiene 4/5 volte la quantità di vitamina C di un’arancia?? In particolare i peperoni gialli e a seguire quelli rossi, sono quelli con la più alta percentuale di questa vitamina!
Perciò via libera a questa verdura estiva sulle nostre tavole, che per fortuna troviamo anche a settembre!

I peperoni ripieni sono un grande classico della tradizione, che possiamo rivisitare in una maniera diversa per aiutarci così a mettere in tavola una grande varietà di cereali (anzi in questo caso pseudo-cereali), per un’alimentazione sana ed equilibrata!

Così ho pensato di sostituire il classico riso con la quinoa, questo super food contiene tantissimi nutrienti e proprietà, e  tutti i nove aminoacidi di cui il nostro organismo ha bisogno: istidina, isoleucina, leucina, lisina, metionina, fenilalanina e triptofano!!

Pensate che la NASA l'ha definita come il cibo perfetto da inserire nell'alimentazione degli astronauti

Ricordatevi sempre che la quinoa non va cotta come la pasta, altrimenti si perderebbero molto importanti nutrienti nell'acqua di cottura, e in più verrebbe anche troppo molliccia, ma ha un suo procedimento particolare! 
Potete leggere qui come cuocere la quinoa.

3

Qui sotto potete trovare gli ingredienti per la realizzazione di questi buonissimi e sanissimi peperoni ripieni di quinoa, mentre per il procedimento vi rimando al sito della Pomì, dove troverete anche tante anche interessantissime ricette!

Ricetta peperoni ripieni di quinoa

Ingredienti:
3 peperoni
1 cipolla fresca
100g di quinoa
200g di acqua
200g di passata di pomodoro

Procedimento:

Leggi la ricetta dei peperoni ripieni di quinoa qui
sorbetto alle pesche senza uova
I mesi a cavallo dei cambi di stagione ci regalano sempre una grande varietà di scelta, e in questo settembre li supera tutti!
La frutta e la verdura dell’estate incontrano quella dell’autunno, e ci danno la possibilità di godere di tantissime cose buone!!

Per fortuna le pesche sono tra quei frutti che resistono ancora , anzi ne esiste proprio una varietà che si chiama settembrina!

Alle mie bambine e a Chicco le pesche piacciono dure, durissime, e non appena maturano un po’, o le mangia la sottoscritta, o non trovano più nessun acquirente!

Per fortuna sono proprio le pesche mature, grazie a tutta la loro bontà e alla loro dolcezza,  che trovano tanti altri utilizzi in golosissime ricette!

DSC_0163

Ad esempio potete provare a preparare questa golosa torta alle fragole, sostituendole con delle pesche tagliate a fette o a pezzetti, il risultato è strepitoso!
Oppure potrete usarle per preparare una merenda da leccarsi i baffi, che i vostri bambini ameranno e che sarà anche super sana, perché manterrà intatte tutte le proprietà e preziose vitamine di questo frutto, coa che con la cottura purtroppo non avviene!

3

Questo è anche un ottimo modo per evitare sprechi ed utilizzare la frutta matura: con questa ricetta potrete congelare la frutta che sta maturando tropo o che avete comprato in abbondanza (vengono ottimi gelati o sorbetti con il kiwi, il melone, la pera e la banana, con cui potete ottenere praticamente un gelato aggiungendo gli ingredienti giusti per insaporirlo, trovate la ricetta del gelato alla banana qui), privando eventualmente le parti maturate troppo e trasformarla in una golosa merenda o in un sano e dietetico dessert!

SORBETTO ALLE PESCHE SENZA ZUCCHERO, UOVA E LATTICINI
Ingredienti (per due sorbetti):
Due/tre pesche a pasta gialla mature (a seconda della dimensione)

Procedimento:
5
Lavate le pesche e privatele della buccia. Tagliatele a pezzi e mettetele in un contenitore, che metterete in freezer a congelare per almeno un paio d’ore (oppure potrete utilizzarle nei giorni successivi).
DSC_0187
Quando vorrete gustarvi il vostro sorbetto alle pesche, tirate fuori dal congelatore la pesca a pezzetti congelata e lasciatela a scongelare a temperatura ambiente per circa 5 minuti. Trascorso questo tempo mettete la frutta a pezzi nel frullatore, aggiungete qualche cucchiaio di acqua e frullate.
Una volta che avrete ottenuto una crema, mettetela nei bicchierini e servite.

Questa ricetta è offerta da:

http://www.territori.coop.it
fon bambini

Asciugarsi i capelli è una cosa normale. Un’operazione comune, che ognuna di noi fa e ha fatto infinite volte nella sua vita e continuerà a fare dopo ogni bagno o doccia!
Ondulati, mossi, voluminosi, lisci, ricci o con i boccoli,  i capelli per le donne sono stati da sempre uno strumento importantissimo per piacere e per piacersi, che racchiude in sé molto spesso la nostra stessa personalità!
La cura dei nostri capelli è molto importante!
Potrai indossare anche l’abito più bello  ed elegante del mondo, ma con i capelli non a posto, sembrerà sciatto!
Qualsiasi outfit invece, con il capello curato, diventerà perfetto!

Ecco, tutte questo può diventare un bellissimo ricordo, quando diventi mamma!

Fase 1
7085203423_35e6595320_z(1)(1)

Hai appena partorito e lavarti i capelli è già un lusso che puoi concederti solo ogni tanto! Figurati se avrai tempo anche per asciugarli o ancora di più per azzardare una piega o una acconciatura che non sia una coda!!

Aggiungici pure che i capelli ti staranno uno schifo per un po’ di mesi a venire, quando prima in gravidanza ti avevano abituato a stare incantevolmente in ordine con un solo colpo di spazzola!
Unica nota positiva della fase 1, alcuni neonati si addormentano con il rumore del fon (giuro, Carolina quando era stanca e sentiva il fon si addormentava come un angioletto!).

Fase 2
La peluria sulla testa del nanetto che rumoreggia in casa è diventata peluria lunga e quindi ti tocca iniziare ad utilizzare l’asciugacapelli anche per la creatura!
Anche quel bambino che prima si addormentava teneramente con il suo rumore, odierà l’asciugacapelli e il suo verso parimenti solo forse alle doccette nasali, e da dolce e tenero cucciolo si trasformerà in un Gremlins infuriato!

prima

Perché le cose migliorino mi dispiace ma dovranno passare anni, e qualsiasi essere vivente che entri gratis a Mirabilandia (e forse anche dopo) continuerà a disprezzare il fon e a farti venire i capelli bianchi per asciugarglieli (aggiungendo così anche il problema della tua tinta e della ricrescita!!).


dopo

Ovviamente durante la lotta per l’asciugatura della chioma dei propri eredi, perché se no ti viene il raffreddore, l’innocuo fon potrebbe diventare in un’arma di distruzione di massa! Nel maneggiare la nostra pistola spara aria, nella rincorsa al nanetto bagnato, sarà molto facile scottarsi o aspirare la suddetta chioma, ottenendo così ancora più lacrime, disperazione e odio nei confronti del suddetto oggetto!!

Le vostre braccia stanche di tenere in mano alla fine cederanno e probabilmente i vostri nani usciranno con la testa ancora umida e succederà che al primo sternuto vi maledirete per non avergli rasato i capelli, ma come si fa che sono così belli!?

Fase 3
7501299140_91ce2501a1_z

La fase 3 è esattamente identica alla fase 1 e 2 e, I’m sorry, se forse in un paio d’anni avrai un po’ più di tempo per dedicarti alla tua asciugatura e piega dei capelli (ho detto un po’ di tempo in più eh, non ti illudere troppo), per quel che riguarda la prole molto probabilmente riuscirete a stabilire un armistizio giusto all’arrivo delle Scuole Medie.

Che cosa ci vorrebbe allora?
Una bacchetta magica!
Anzi no, un asciugacapelli magico!

jstankard

Un asciugacapelli magico che sappia che ho poco tempo per asciugarmi i capelli, e che quindi me li asciughi più in fretta degli altri asciugacapelli, e che mi permetta di metterli in piega più velocemente!
Ovviamente il mio asciugacapelli magico non deve asciugarmi i capelli più in fretta lasciandomi in testa dei ramoscelli secchi, ma deve farlo rispettando i capelli, anzi essendo magico dovrebbe essere in grado di controllare in modo intelligente la temperatura dell’aria per proteggere i capelli dai  danni causati dal calore!
Anzi il mio fon magico dovrebbe proprio rendere i miei capelli splendenti!
L’asciugacapelli dei miei sogni saprebbe che le mie bambine odiano i fon normali, e quindi avrebbe un tasto “asciugatura rapida”!

images_ybc_11_34_0e3ef89a5de276e0d493f4c492442202e7a98577

Poi magari vorrei anche altre impostazione oltre all’asciugatura veloce, tipo l’acconciatura, l’asciugatura normale, quella delicata, e aggiungiamoci pure una impostazione  “Freddo costante”, perché non so se voi lo sapete, ma il mio phon magico lo saprebbe, che l’aria fredda serve per fissare meglio la piega.

Il mio asciugacapelli magico non dovrebbe essere troppo rumoroso, così mi permetterebbe di asciugarmi i capelli quando magari la piccola fa il riposino! 

E allo stesso tempo, non facendo il rumore di un reattore nucleare, non la spaventerebbe quando dopo il bagnetto dovrei asciugare la sua chioma da leoncino!

Il mio asciugacapelli magico non peserebbe un quintale così come pesano di solito i fon, ma sarebbe leggero e maneggevole, perché quando arrivi a fine serata con un pargolo, le tue braccia stanche possono non avere più la forza di tenere in mano neanche un pettine!

E poi il mio fon magico, essendo così leggero, sarebbe facilmente utilizzabile anche da Cecilia e più avanti anche da Carolina, aiutandole ad essere più autonome e a prendere confidenza con questo aggeggio!

Il mio asciugacapelli magico poi mi aiuterebbe a farmi bella, e avrebbe degli accessori magici per aiutarmi in questa (ardua??!!) impresa!

Il mio asciugacapelli magico avrebbe un beccuccio lisciante, magari che emette un flusso d’aria dolce e ampio per asciugare e pettinare i capelli in un’unica passata.   

Avrebbe poi anche un concentratore, per creare l'acconciatura ideale una sezione alla volta, con un getto d’aria preciso e controllato. 

E per quando invece vorrei farmi il testone da matta, il mio phon magico, avrebbe un magico diffusore che mi aiuti a ridurre l’effetto crespo e che migliori la definizione dei ricci. 

images_ybc_11_34_fd52c1a72d420aeb871bdb61fa8d7ab909371c8a


Questi accessori, essendo magici, non dovrebbero essere incastrati imprecando in aramaico perché non ci stanno in nessun modo, e allo stesso tempo non mi farebbero fare una fatica incredibile per toglierli! Basterebbe il gesto, come se fossero attratti da una forza magnetica, anzi magica, e solo appoggiandoli si attaccherebbero. E solo staccandoli si disinstallerebbero.

Già che le stiamo sparando grosse, vorrei anche che gli accessori del mio phon magico non mi provocassero un’ustione di primo grado ogni volta che tenterei di riporli a posto, ma che rimanesse belli freschi come una rugiada mattutina anche dopo che mi sono sparata una piega alla Tina Turner!
E toh, il phon magico lo voglio pure bello!

Eh già!

Ma questi sono sogni!

Mah! Come dite???

Questo phon esiste già?

E’ il nuovo Dyson Supersonic???

Un concentrato di tecnologia ed efficienza, con un motore digitale sviluppato da un team di ingegneri specializzati che ha creato, un phon fino a otto volte più veloce rispetto ai concorrenti, con un motore così piccolo ed efficiente da entrare nel manico per rendere così il phon leggero e maneggevole.

Un phon  più silenzioso degli altri, in grado di controllare in modo intelligente la temperatura dell’aria per proteggere i capelli dai gravi danni causati dal calore, con 4 impostazioni per una piega veloce e perfetta.
images_ybc_11_34_7dae385dac70fd1a22e53c836a81958ce5634323


Ma pensa te questo James Dyson… e pensare che non è una donna e  ha pure i capelli corti!!






Photocredits: 1, 2, 3, 4, 5
mamme bambini settebre
Mi scuso subito per la mia latitanza, non sono sparita e anzi ho tantissime da raccontarvi, tanti nuovi esperimenti in cucina e non da raccontarvi, da preparare con e per i vostri bambini!

Abbiate pazienza ancora un po' e ripartirò con la solita frequenza nello scrivere... e in più ci sono in arrivo tanti buoni sconto su prodotti di qualità molto interessanti per voi!!

Questa estate è volata! Abbiamo avuto la fortuna di trascorre 2 bellissimi mesi a Cesenatico con le bambine, e ahimè lì però ho avuto un sacco di problemi con il portatile e la connessione! Solo l’ultima settimana purtroppo ho provato a portare il pc in spiaggia e a collegarmi da lì, dove invece funzionava tutto splendidamente!

Tutta la spiaggia di Cesenatico è coperta dal Wi-Fi gratuito della Cooperativa Bagnini di Cesenatico e così sono riuscita un pochino a scrivere e ad ultimare alcune cose, mentre prendevo il sole e le mie bambine giocavano tranquillamente davanti a me! Insomma… ad averci pensato prima sarei stata più produttiva che in inverno!!

Tornati dal mare il 31 di agosto, abbiamo rifatto le valige per ripartire l’1 di settembre per qualche giorno in montagna a Cortina!

Confesso che una volta aperte le valige in albergo abbiamo portato un bel po’ di sabbia… chissà cosa avranno pensato le ragazze dell’albergo!!

Vi parlerò sicuramente in maniera più dettagliata delle nostre vacanze in montagna con le bambine, dei percorsi migliori e di cosa visitare quando si passa da quelle parti! 

DSC_0097

Comunque, tornate dalle nostre lunghissime vacanze, mi sono ritrovare con tantissime cose da fare e sistemare in casa, unite a tutte le cose da fare per le nuove avventure di Settembre!

Per questi motivi questo mese non vi consiglierò cosa fare a settembre come ho fatto l’anno scorso, ma piuttosto vi racconterò tutte, o almeno una buona parte, delle cose che mi devo ricordare di fare IO a settembre!

[Ricordatevi però di consultare comunque la spesa di stagione di settembre con tanti consigli di ricette!)

Prima di tutto questo mese sarà ed è stato un mese di grandi emozioni: mercoledì scorso  Carolina ha iniziato il suo primo anno d’asilo, mentre domani Cecilia inizierà la prima elementare!

Non vi nascondo che le emozioni che per questi due bellissimi inizi sono diverse, perché mentre per Cecilia posso godermi con più serenità lo start di questa nuova avventura, l’inserimento all’asilo di Carolina mi dà qualche preoccupazione in più!

Le mie energie perciò, tornate dalle nostre lunghe vacanze, sono state principalmente impegnate qui!
Sia con Cecilia che Carolina ho cercato di parlare tantissimo di quello che le aspetterà, abbiamo raccontato aneddoti, letto libri e giocato alla scuola e all’asilo con le Lego, le Barbie e noi stesse!
Oltre a prepararci psicologicamente, abbiamo poi cercato di acquistare tutto il materiale necessario per settembre!

Per la prima elementare Cecilia  ha avuto bisogno dello zaino giusto e dell’astuccio, completo di tutta la cancelleria che la maestra ci ha chiesto, con tanto di etichette personalizzate per distinguerle!
Per entrambe poi c’è stata la scelta dei grembiuli: rosa per Cecilia e a quadretti rossi e blu per Carolina!
Per il primo la ricerca non è stata difficile, e ovviamente sapevo già su che marca andare, la stessa che mi aveva accompagnato per i tre anni di grembiulino bianco di Cecilia dell’asilo: la Siggi!

DSC_0186

Ho sempre scelto questi grembiuli perché sono realizzati con materiali certificati per garantire la sicurezza e la atossicità di questi capi che dovranno indossare i nostri bambini, e anche la qualità si è dimostrata ottima. A fine anno il grembiule era ancora perfettamente integro e bianco, mentre vedevo tanti compagni e compagne di Cecilia che si aggiravano con grembiulini ormai diventati gialli!

DSC_0187

Per fortuna sempre la Siggi mi ha salvato per Carolina e ho trovato il perfetto grembiulino anche per lei, che abbiamo poi fatto ricamare con il suo bellissimo nome.

DSC_0185

Poi 5 bavaglini, il sacchettino per il cambio di scorta e un grembiule per dipingere (sempre Siggy) e infine un bicchierino di plastica per bere, e anche per la scuola dell’infanzia il corredino è stato fatto!
Altra novità di settembre, è che domenica nella nostra famiglia si è aggiunto un nuovo componente, anzi una nuova componente: il suo nome è Luna ed è una bellissima e dolcissima gattina di due mesi e mezzo!

14285380_10210404997783267_1017940771_o

Ero un po’ preoccupata della gestione della casa con l’aggiunta di un nuovo componente a 4 zampe, ma sono bastati pochi minuti di Luna per convincerci di avere preso la decisione giusta! Vedere la felicità delle bambine (soprattutto di Cecilia, perché Carolina ancora a volta si spaventa quando le saltella tra i piedi o vuole giocare!!), il tempo che quotidianamente le dedica, la dolcezza e la pazienza di questo gattino, mi hanno immediatamente fatto sparire qualsiasi dubbio!

14315971_10210405000303330_876716337_o

Ovviamente tornerò con calma anche a parlarvi di questa nuova avventura, e di qualche trucco e consiglio cha abbiamo messo in atto! In più, nonostante Luna sia qui da soli 3 giorni, abbiamo già costruito un po’ di giochi fai da te per gatti in stile mammarum che ci stanno dando grosse soddisfazioni, e che devo condividere assolutamente con chi ha un gatto o vorrebbe averlo!

Altre cose che devo fare assolutamente a settembre?
Sistemare casa! Tra traslochi, partenze, lavatrici finirò di fare tutto a Ottobre!! Ma ce la faremo!
Poi devo assolutamente riprendere a programmare il menù settimanale, dato che per il mese di Agosto abbiamo mangiato molto spesso al ristorante ed ho abbandonato questa ottima abitudine (se anche voi volete iniziare al link trovate la mini-guida per farlo, mentre se ancora non vi ho convinto qui potete leggere 10 motivi per programmare il menù settimanale), ed il mio stomaco (e la bilancia!!) ne risente!

C’è una cosa però che voglio ricordare anche voi anche per questo settembre… votarmi per la festa della rete!!
C’è tempo solo fino a domenica, perciò se ancora non lo avete fatto (e volete farlo), vi prego affrettatevi!!
Trovate come e dove votarmi a questo link!

BLOG MACCHIAnera awards
piadina ai semi
Le mie bambine sono 100% romagnole e lo prova il fatto che vivrebbero di piadina!
Ovviamente come darle torto, la piadina romagnola è veramente buona e soprattutto molto molto semplice da fare!
Con mia grande soddisfazione, la preferita delle mie bambine è la proprio la ricetta della piadina all’olio di oliva che trovate su questo blog! 

Così ci capita di mangiare la piadina non solo come accompagnamento a pranzo o cena, ma anche come colazione (ve lo giuro!) o merenda.

Mi chiedevo come potere arricchire di nutrienti e proprietà questa piadina che le mie bambine mangiavano così volentieri, e così mi sono subito risposta… con i semi! In questo caso abbiamo utilizzato i semi di sesamo, ma potrete usare il mix di semi che preferite: lino, sesamo, girasole e zucca sono perfetti in tutte le preparazioni salate, ed anche in questa!

I semi sono una vera miniera di proprietà e nutrienti ed è importante insegnare ai nostri bambini a consumarli fin da piccoli. E allo stesso modo è importante che anche noi adulti li consumiamo regolarmente, perché sono dei veri e propri integratori naturali! Perfetti quindi anche per donne in dolce attesa o che allattano!

I semi hanno un sapore buonissimo e possono essere consumati in tantissimi modi: nelle insalate, nei cereali e nella pasta, nello yogurt o anche da soli come snack di metà mattina o pomeriggio. Spesso vengono utilizzato anche nel pane, rendendolo ancora più buono e gustoso, allora perché non metterli nella piadina!

Tra l’altro la cottura della piadina è molto più veloce di quella del pane, le temperature raggiunge sono più basse e quindi molto probabilmente le proprietà che conserveranno saranno molto maggiori di quello che si avrà consumando il pane con i semi.

La ricetta è molto facile, poiché bisogna seguire praticamente la ricetta base della piadina romagnola all’olio, a cui si aggiungeranno poi il mix di semi scelto.

E’ un ottima idea anche per la merenda a scuola, e in più, potrete utilizzarla anche nelle ricette classiche (come nel rotolo di piadina, o nel cassone al pomodoro,  nel cassone alle erbe, o nel cassone vegan alla crema di olive, che se non avete mai fatto dovete assolutamente provare!), arricchendo di nutrienti, fibre e proteine, la vostra ricetta!

L’idea in più è quella di utilizzare i taglia pasta dei biscotti per preparare queste piadine 100%  a prova di bambino!


13681919_10209842703326257_909449015_o

Ricetta piadina ai semi

Ingredienti:
250g di farina 1
20g di olio extra vergine di oliva
250g di acqua molto calda
4g di sale 


Preparazione: 
13662651_10209842704246280_2145931194_o13639449_10209842703966273_1141448374_o
Mettete in una ciotola la farina e create un cratere al centro.
Versate al suo interno l'acqua calda dentro cui avrete sciolto precedentemente il sale.
Aggiungete l'olio e impastate fino ad ottenere un panetto omogeneo e morbido. Aggiungete il mix di semi scelto e impastate fino a che l’impasto non li avrà incorporati in maniera omogenea.
Dividete l'impasto in due o tre palline, e lavoratele brevemente singolarmente.
Stendete con il mattarello ogni pallina e tagliate tante formine con il tagliapasta.
Cuocete sul testo o su una teglia anti aderente a fiamma medio alta, girandole da entrambi i lati, e bucando le eventuali bolle di vapore che si formano con i rebbi di una forchetta.
come scegliere zaino prima elementare

Si avvicina settembre e con lui l'inizio delle lezioni scolastiche!
L'inizio della scuola elementare prevede non solo una buona dose di emozioni per noi genitori, ma anche l'acquisto di ciò che è necessario per fare affrontare al meglio questa nuova meravigliosa avventura che aspetta i nostri bambini! 

Questa sarà una novità anche per noi, Cecilia a Settembre inizierà il primo prima anno di scuola elementare (e Carolina il primo anno di scuola materna) e così abbiamo già iniziato un po' di acquisti per quello che servirà per la scuola! 

Ecco allora alcuni semplici consigli per chi come noi deve scegliere lo zaino per la prima elementare!

14113819_10210218739166918_2027760803_o(1)

1. Per la scelta del personaggio o della fantasia, assecondate pure i gusti dei vostri bambini, assicurandovi solo che la scelta non sia dettata da un amore passeggero ma piuttosto da una passione duratura (Cecilia da sempre ama gli animali di tutti i tipi e per questo quando ha visto lo zaino del WWF mi è sembrato un'ottima scelta! Se mi avesse chiesto un personaggio dei cartoni avrei cercato di trovare in comune accordo un'alternativa perché so che in questo le sue preferenze cambiano continuamente! Se però fosse stata un'appassionata che so di Frozen da sempre, allora sarei andata sul sicuro).

2. Fate sempre provare lo zaino al bambino e assicuratevi che lo senta confortevol.

3. Fate aprire e chiudere lo zaino al vostro bambino ed assicuratevi che lo faccia con facilità, e che le chiusure sino robuste.

4. Preferite gli zaini che hanno una patta sopra la zip della tasca superiore. In questo modo in caso di pioggia non si bagnerà ciò che è contenuto nella tasca! 

5. Trolley sì o trolley no? Noi abbiamo optato per uno zaino senza trolley, e abbiamo acquistato il trolley a parte a cui attaccarlo! In questo modo il trolley non pesa sulle spalle quando lo si vuole portare così, ed è più semplice da lavare. In più ci tornerà di sicuro utile in altre occasioni e anche per la seconda bambina!

6. Non riducetevi all’ultimo momento ma non acquistate il vostro zaino per la prima elementare nemmeno troppo presto. In questo modo, sia voi che il vostro bambino o la vostra bambina riuscirete a farvi meglio un’idea di quello che può fare per voi, non rischierete di vederne uno meglio dopo e magari potrete anche approfittare di qualche offerta!

14124090_10210218739486926_1290991653_o
ricetta passato di verdura primavera estate
Il passato di verdura è una ricetta molto amata dalle mie bambine!
Molti non ci credono ma quando comunico a Cecilia e Carolina che per pranzo o per cena ci sarà il passato di verdura loro saltellano felici di gioia, perché è uno dei loro piatti preferiti!

Sarà che sono state da sempre abituate a mangiare tante verdure, sarà che cerco di proporne sempre un’ampia varietà, sia crude che cotte, ma le verdure qui per fortuna vanno alla grande!
Tra l’altro non riesco proprio a capire chi proprio non ama le verdure o chi pensa di dovere costringere a mangiarne!

Io le verdure, sapientemente presentate, condite, crude o cotte, le amo e le trovo veramente buone!! Non potrei mai vivere senza verdure!
Chi mai potrebbe dovermi costringere a mangiare qualcosa di buono?! Sono io la prima a volerlo fare…

Il passato di verdure però che le mie bambine amano è un passato ben preciso, preparato in un determinato modo e non mischiando magari le verdure rimaste in frigo ogni volta in varietà e quantità diverse!

Il passato di verdura, nella ricetta primavera estate, è per noi fatto così: cipolla, carote, zucchine, patata, bietole e molti borlotti.
La sua versione invernale è uguale, ma al posto delle zucchine metto broccoletti e cavolfiore e utilizzo i borlotti surgelati!

Altro ingrediente fondamentale  per la realizzazione del perfetto passato di verdure per le mie bambine è il passa-verdure!

Guai ad usare il minipimer perché il palato esigente delle mie piccole critiche culinarie se ne accorgerebbe!

71U0 ffG3TL._SL1181_

Scherzi a parte sono la prima a preferire il passato di verdura reso perfettamente cremoso dal passaverdura, che permette di eliminare le bucce e rendere il tutto perfettamente digeribile dai nostri pancini!

Noi siamo ancora nella casa al mare e mi sono però totalmente dimenticata di portarmi il mio amato passaverdura a casa!

Sono così uscita alla ricerca di un passaverdura di emergenza da utilizzare… e ne ho trovato uno a 68 euro!!!
No dico, siamo matti?? Un passaverdura, manuale, a 68 euro, come minimo deve anche andarmi a fare la spesa e servirmi poi il passato a tavola!

Non avendo troppo tempo (e forse voglia) di cercare un negozio che avesse un passa verdura ad un prezzo normale, ho cercato su internet e mi sono imbattuta in Lions Home, un portale online per mobili e accessori per la casa. Su questo sito gli utenti possono esplorare gli assortimenti di una grande varietà di negozi on line, di prodotti di qualità, molto noti e confrontare le loro offerte. L'obiettivo è quello di rendere più facile trovare i prodotti giusti e al miglior prezzo.
 
61yFAKg4mOL._SL1141_

Così ho trovato passaverdure che cercavo, a 14,28 euro. Qui trovate il risultato della mia ricerca.
Sono stata tentatissima di acquistare un passaverdura elettrico (qui ne trovate un po’ se volete farvi anche voi un’idea dei prezzi), ma per ora ho fatto la brava e ho rimandato l’acquisto a settembre, quando torneremo a casa! Voi li avete per caso mai provati?

31V5NeUe4GL

Il minipimer invece lo trovo perfetto per le creme che non hanno troppa fibra, come ad esempio questa crema di lenticchie rosse o la zuppa di strega  (la vellutata di zucca), che viene perfetta anche con il frullatore ad immersione!

14152099_10210237607238608_1025155493_o

Ricetta passato di verdura primavera/estate

Ingredienti:
2 zucchine
3 carote
1 mazzetto piccolo di bietole
1 cipolla dorata
1 patata grande o due piccole
500g di borlotti freschi

Procedimento:
Mondate e lavate tutte le verdure e tagliatele a pezzettoni. Mettetele in una pentola capiente e coprite le verdure con l’acqua (non mettetene troppa se anche voi amate il passato di verdura denso come noi. Ricordate che comunque ad aggiungere acqua fate sempre in tempo, mentre toglierla è un peccato perché togliereste anche i sali e le vitamine che sono passate attraverso la cottura della verdura.)
Salate e cuocete per una mezzoretta, o fino a quando i borlotti non saranno cotti.
Una volta pronte le verdure lasciatele intiepidire e passatele con il passaverdura fino a ridurle in crema. Potete mangiarla così, servita calda o tiepida e condita con un filo d’olio, o con dei crostini di pane integrale, del miglio o della pastina (qui vanno molto le stelline semi-integrali al farro).
ebook ricette olio

Come ben sapete nelle mie ricette prediligo l’olio extra vergine di oliva come grasso da utilizzare nelle preparazioni, sia dolci che salate.

Questo perché i grassi con cui è composto principalmente il burro sono di tipo saturo ed ha un elevato contenuto di colesterolo, mentre l’olio extra vergine di oliva costituisce una preziosa fonte di acidi grassi di qualità. 

L’olio extra vergine di oliva infatti è ricco di acidi grassi monoinsaturi e di antiossidanti!
In più l’olio extra vergine di oliva sopporta bene la cottura, poiché il suo punto di fumo avviene a 200 gradi.

Zucchi ha recentemente pubblicato un e-book dedicato a ricette tradizionali e rivisitate della cucina italiana che contiene 22 piatti che utilizzano una sapiente combinazione di olii e aromi naturali in cucina, per una vera e propria esplosione di gusto. 

Nell’ebook gratuito troverete 12 ricette realizzate dallo chef Claudio Sadler e 10 ricette realizzate da altrettante food blogger italiane.

Claudio Sadler è uno chef che non ha bisogno di presentazioni, con Due Stelle Michelin e una brillante carriera alle spalle! I suoi piatti si contraddistinguono per l’elegante semplicità degli ingredienti, l’armonia  e la leggerezza!

Con questo e-book quindi scopriremo che l’utilizzo dell’olio in cucina non è solo la risposta migliore per un percorso e uno stile di vita più salutare

L’utilizzo in cucina di oli particolari infatti, risultato dell’arte del blending, diventa una componente fondamentale per la realizzazione di piatti unici e dal sapore intenso ed avvolgente.

Troverete tante ricette da riprodurre fedelmente o da cui carpire trucchi e segreti su come utilizzare l’olio nelle varie preparazioni dolci e salate, dalla pasta dello strudel salato fino ad arrivare al gelato all’olio.

Cliccate sul link per potere scaricare gratuitamente l’ebook contenente le 22 ricette con l’olio, per scoprire nuove tecniche e sapori che vi lasceranno l’acquolina in bocca solo a leggerle!
cosa fare cesenatico bambini

Io amo Cesenatico! Per chi ancora non lo avesse capito noi adoriamo questo bellissimo paese di mare che abbiamo la fortuna di avere così vicino a casa!

Cesenatico è il posto perfetto per chi vuole trascorrere le vacanze estive insieme ai bambini al mare a prezzi veramente vantaggiosi, e offre tantissime possibilità di scelta!
Quella che vi voglio raccontare io è la nostra Cesenatico: quella fatta dei nostri luoghi preferiti, delle nostre mete più divertenti e dei nostri ristoranti dove amiamo di più andare a mangiare e dove quasi ci sentiamo a casa!

Vi  confesso subito che nonostante Cesenatico, come tutte le località turistiche dell’Adriatico, sia famosa e attrezzatissima con animazione per bambini e mini club, noi non ne abbiamo mai usufruito!
Credo che ci sia una sorta di allergia a queste cose che si tramanda geneticamente, perché anche io e mia sorella eravamo così!

Perciò non vi parlerò di baby dance o giochi e lavoretti sulla spiaggia che le bravissime animatrici propongono in ogni bagno (vi dico solo che le mie figlie quando arriva la ragazza del nostro bagno corrono a nascondersi), ma sappiate che se ai vostri bambini piacciono, la Riviera Romagnola è imbattibile su questo fronte!

Io ci provo puntualmente a proporglielo, ma niente!

Quindi sappiate anche che se i vostri bambini rifuggono come la peste animatrici e mini club, ci sono tantissime altre cose da fare ugualmente!

14060124_10210143952017286_893174207_o

D’altra parte di cosa altro può avere bisogno un bambino davanti al mare e alla sabbia!?

14045288_10210134637384426_1593770934_o

Ora lo so che è il 16 di Agosto e forse questo articolo potevo scrivervelo anche prima, ma purtroppo non ci sono riuscita!
Ultimamente però la stagione bella si prolunga anche per tutto Settembre e comunque ricordatevi che in linea di massima queste indicazioni valgono anche per le vostre prossime vacanze a Cesenatico con i bambini!

14002362_10210143954417346_1345037863_o(1)

Prima di tutto vi segnalo l’utilissimo sistema trova eventi sul sito del comune di Cesenatico. E’ sufficiente inserire la data o il periodo di interessa e troverete tutti gli eventi interessanti a Cesenatico nei giorni selezionati! Sicuramente troverete sempre qualcosa di interessante e nelle vostre corde! Lo trovate qui:
http://www.cesenatico.it/archivio_eventi.asp

Questa estate 2016 a Cesenatico potete anche trovare due nuove mostre:

“Quando natura stupisce”, una mostra di animali della nostra zona e non, conservati con una particolare tecnica di imbalsamazione chiamata tassidermia. Ci siamo stati ed è tato molto interessante per me e le bambine potere osservare da vicino questi animali (anche se l’imbalsamazione a me lascia sempre un po’ di pensieri!!!!!).

14060521_10210143952217291_2015820270_o

La mostra è aperta dal 24 giugno all'11 settembre 2016, dalle ore 21 alle 23, al Teatro San Giacomo in Via G. Bruno 2 (al Porto Canale prima del ristorante Da Pippo).

“Darwin - L'universo impossibile narrato da Dario Fo con dipinti e pupazzi”, (informazioni ed orari qui). Dobbiamo ancora andarci, ma sono sicura sarà molto interessante (e ci siamo fermate più e più volte a vedere i dinosauri giganti all’esterno, proprio davanti al Brucomela!)!

14012403_10210143952617301_1254629051_o

A Cesenatico ci sono molti mercatini che potrete trovare sparsi qua e là quasi ogni sera (soprattutto concentrati nella parte del Porto Canale).

14037386_10210143953777330_761403657_o

Quelli che vi segnalo io sono:

IL MERCATINO DEL LUNEDì: forse il più grande e il più vario! Lo potete trovare a partire dalla Vena Mazzarini (dove però trovate bancarelle un po’ meno tipiche) fino al Porto Canale!
Occhio a dove parcheggiate la macchina perché quando ci sono i mercatini è tutto un andirivieni di carri attrezzi che portano via auto!! Leggete sempre bene i cartelli perché in alcune zone in alcuni giorni ed in alcuni orari non [ possibile parcheggiare!!

Le nostre bancarelle preferite sono: in via Fiorentini (la via che porta al Porto Canale dietro alla pescheria) la bancarella con le conchiglie dell’Adriatico e l’indiano con i suoi fischietti e gli strumenti!

Poi le Lego per collezionisti nella Piazzetta delle Conserve (io ci starei le ore!), dove troverete anche una bancarella con ottimi prodotti per il corpo eco bio (tipo i solari della Saponaria, che io utilizzo  e sono ottimi) , una bancarella con ceramiche marocchine dipinte a mano bellissime, e bellissime tovaglie, strofinacci, borse e altro dell’antica Stamperia Pascucci!

14012580_10210134637304424_147848255_o

Proseguendo da qui verso via Baldini poi sulla sinistra trovate una bancarella di un ragazzo russo che vende utilissime lucine da attaccare ovunque (bici, passeggino, monopattino) per segnalare la propria presenza, oltre a binocoli, super mini kit di cacciaviti,  e tante altre cosine divertenti!
Voi comunque giratevelo tutto il mercatino, perché ci sono tantissime cose carine qua e là!

14060030_10210143964377595_84212749_o

IL MERCATINO DEI PUFFI: Tutti i mercoledì di Luglio e Agosto invece nella piazzetta delle Conserve al Porto Canale trovate il mercatino dei puffi, al quale se desiderate potete anche partecipare ( è sufficiente presentarsi nella piazzetta con i giochini che i vostri bambini vogliono vendere ed iscriversi  negli appositi banchetti della Croce Rossa Italiana che troverete lì. Trovate ulteriori informazioni sul Mercatino dei Bambini qui)!
La piazzetta così animata da tanti bambini, giochi e risate è bellissima, e si fanno anche ottimi affari!

Sempre al Porto Canale, quasi tutte le sere potete trovate spettacoli di bravissimi artisti di strada provenienti da tutta Italia ed Europa! 

Li trovate nella piazzetta della Pescheria o in piazza Ciceruacchio! 

14045471_10210143952057287_1173557683_o

I nostri preferiti sono il Mago, che lascerà veramente ad occhi aperti i vostri bambini (e anche voi!) che trovate un paio di volte a settimana dietro alla pescheria.
Poi giocolieri, marionette bellissime, mangiafuoco, , rappresentazioni teatrali, suonatori d'arpa... ogni sera è uno spettacolo diverso!

Se poi volete fare un po’ di Shopping:
Non potete non tornare a casa senza il sale marino integrale dolce di Cervia! Poi ci sono i costumi di Tezuk, che troverete anche uguali mamma figlia, babbo/figlio, e le tele romagnole della stamperia Braghittoni.

13682400_10210143954697353_1183628231_o

Informatevi anche sulle varie attività degli stabilimenti balneari, perché sono veramente tante!

Vi segnalo ad esempio:
  • L’aperitivo e suggestivo il tramonto al Marè oppure al bagno Adriatico , dove praticamente cenerete!
  • Arenati, iI cinema in spiaggia, al bagno Adriatico, tutti i martedì
  • La pizza al mare, ad esempio al Bagno Chino e al Bagno Lucia
  • Il cinema gratuito in spiaggia al Bagno Adriatico 62
14012886_10210134637264423_141174212_o

Da non perdere poi sono le letture e i laboratori della Libreria Cartamarea, in via Baldini (sul ito trovate il calendario con tutte le attività).

14045024_10210134637344425_261933407_o

Alcuni negozi che possono esservi utili a Cesenatico con i bambini:
  • Il frutta e verdura Biologico F.lli Sancisi in Viale Trento, che può tornarvi utile anche se siete in albergo, per comprare frutta fresca da mangiare a merenda!
  • Il supermercato biologico Il Germoglio (Via Aurelio Saffi 26)
  • La Tartaruga (prodotti eco bio per bambini)

14045458_10210134627864188_751908135_o

Dove mangiare a Cesenatico con i bambini:
  • Al Bagno Chino, la pizza direttamente con i piedi nella sabbia!
  • Da Ciro (Davanti trovate anche una sala giochi all'aperto un po' vintage ma che i vostri bambini adoreranno)!
  • Al Riviera 69, pizza o pesce su una bellissima terrazza direttamente sulla spiaggia!
  • All'osteria del gran fritto, l’unico ristorante in cui noi ci regaliamo un buon fritto fatto come si deve (e che infatti non mi fa stare male poi!). Trovate poi tanti altri buonissimi piatti della tradizione dell’Adriatico, con il pescato fresco!
  • Al Nero di Seppia (grandissima varietà, pizza, pesce e ricca scelta anche vegan)
  • All’Acqua & Sale, per la pizza o le pizzelle con farina integrale e lievito madre.
  • Alla Risto Boat, un ristorante direttamente su una braca da pesca!! Mentre vi scrivo ancora non ci siamo stati, ma non vedo l’ora perché l’idea ci piace tantissimo!!

14045193_10210134637104419_1982056799_o

Non potete andare via da Cesenatico con i vostri bambini senza:


  • Avere mangiato almeno un gelato alla Latteria del Gelato (trovate anche gusti vegan, e per celiaci). Il gelato più buono di Cesenatico (e non solo!!)
  • Non essere entrati nella libreria per bambini Cartamarea (via Baldini)
  • Non avere mangiato un fritto all’Osteria del Granfritto (al Porto Canale, c’è addirittura da passeggio!)
  • Non avere attraversato il Porto Canale con il Traghetto Mirko
  • Non avere visitato il Museo del Marineria di Cesenatico 
  • Non avere visto un tramonto al porto
  • Non avere visto un peschereccio di ritorno dalla pesca, con tutti i gabbiani che lo inseguono!
  • Non avere fatto una partita a Beach Tennis
  • Non avere mangiato una pizza  da asporto sotto l’ombrello mentre il sole tramonta!
  • Non avere visto la spiaggia di ponente, se siete a levante o non avere visto la spiaggia di levante se siete a ponente!
 14012617_10210143964657602_849712038_o

Se avete altre attività e cose interessanti da fare a Cesenatico con i bambini (e non) segnalatemene nei commenti, così sarà l'occasione per scoprirle e condividerle insieme!!

E ricordatevi di tornare con un sacchettino di sabbia, un po' di conchiglie e tanta fantasia! A settembre ci mettiamo al lavoro!! Vi aspetto per le nostre proposte!!