baccalà in padella

Il baccalà non solo è molto buono, ma è anche un alimento ricco di proprietà positive per il nostro organismo.
Ad esempio, il fatto che sia conservato sotto sale non deve trarci in inganno: il baccalà è povero di sodio.
Ha pochissime calorie (per chi ancora se ne preoccupa, ma io le lascerei stare), ed è un ottima fonte proteica e di calcio, fosforo e Vitamina A, a dispetto invece di un bassissimo contenuto di grassi.

Insomma il baccalà è buono e fa bene, e questo baccalà in padella con olive e pomodorini è un ottimo modo per cucinarlo. 

Si prepara velocemente e si può fare in anticipo, scaldandolo poi al momento di servire. Io lo preparo sempre accompagnato con della polenta integrale (uso quella precotta che si cuoce in 5 minuti) e della verdura cruda come contorno.

Avremo così un piatto unico buonisimo e veloce, che scalda il cuore e riempie la pancia con gusto e benessere!

Ricetta baccalà in padella con olive e pomodorini

Ingredienti:
Un filetto di baccalà già bagnato

Una ventina di pomodorini vesuviani
2 cucchiai di olive taggiasche
2 cucchiai di farina tipo 2 (o eventualmente senza glutine)

Preparazione:
Private il baccalà della pelle e delle spine, e tagliatelo a pezzettoni.

Se è molto umido asciugatelo con dello scottex e poi passatelo velocemente nella farina e appoggiate i pezzettoni così ottenuti su un piatto.

Lavate e tagliate i pomodori in 4 parti.

In una pentola mettete un cucchiaio di olio e uno d'acqua(qualcosa di più se la pentola non è antiaderente, regolatevi voi in base alla pentola che userete) e quando sarà caldo aggiungete il baccalà tagliato a pezzettoni.

Dopo qualche minuti quando, si saranno dorati, girateli delicatamente dalla parte opposta e lasciateli dorare anche qui. Vedrete che il baccalà avrà rilasciato già una parte della sua acqua. 

Aggiungete poi i pomodorini e le olive taggiasche, abbassate la fiamma e portate a cottura.

Io cerco di non girare il baccala durante la cottura per evitare che si spezzi, al massimo muovo giusto un po' i pomodori.

Il baccalà in padella con olive e pomodorini sarà pronto quando i pomodori saranno appassiti e si sarà asciugato quasi tutto il sughino che si sarà formato in cottura.


IMG_8316
costruire calendario bambini

Anno nuovo, vita nuova e… calendario nuovo!

Cosa ne dite di creare un facilissimo e utilissimo calendario per i nostri bambini utilizzando le lego duplo?

Io ho realizzato questo calendario con le mie bambine questa estate, durante le vacanze, partendo dal gioco per imparare i giorni della settimana che avevamo fatto.

Durante l’inverno Cecilia si era abituata a scuola a scrivere la data ogni giorno, e i giorni della settimana erano scanditi dagli impegni: il martedì il nuoto, il mercoledì i rientro pomeridiano, il giovedì inglese, e coì via.

In estate invece tutto questo non c’è più ed è facile perdere i giorni e i mesi per un bambino.

Così abbiamo creato questo calendario, affinché Cecilia sapesse che giorno era, e in maniera tale che anche Carolina si avvicinasse ai giorni, i mesi e il concetto del tempo.

Considerando che abbiamo realizzato questo calendario il 5 di luglio e che tuttora le mie bambine lo usano, devo dire che è stato un grande successo.

Abbiamo messo il calendario in camera, e Cecilia aggiorna il calendario anche senza che glielo dica io, proprio perché le piace molto.

Il calendario per bambini con le Lego Duplo è facilissimo da realizzare e anche molto economico.
In genere i pezzi di Lego Duplo (o i suoi simili, non so se conoscete le costruzioni Unico che sono perfettamente compatibili ma molto più economiche) abbondano sempre in casa.

Per costruire il calendario per bambini con le Lego Duplo vi serviranno:

- 1 pennarello indelebile*
- 1 base 16x8
- 12 pezzi 2x2 per il giorno in numero
- 20 pezzi lunghi 2x4 di cui:
  • 12 pezzi lunghi 2x4 per i mesi
  • 7 pezzi lunghi 2x4 per i giorni della settimana
  • 1 pezzo lungo 2x4 per l’anno
*Se non volete scrivere definitivamente i mattoncini, basterà applicare un pezzetto di scotch sopra ad ogni mattoncino, ed effettuare la scritta con il pennarello indelebile sopra al pezzo di scotch (comunque calcolate che con il solvente per lo smalto per unghie in genere va via anche il pennarello indelebile sulle lego. O a volte basta anche un pochino d’alcool. Poi una bella lavata e sono come nuove).

Una volta trascorso il periodo natalizio, basterà eliminare lo scotch ed avrete i vostri mattoncini puliti. Se utilizzate lo scotch di carta potete usare anche un qualsiasi pennarello!

Prendete i 12 pezzi lunghi 2x4 per i mesi. Io li ho divisi per colore in base alla stagione, cercando di dargli anche una facilitazione visiva: Dicembre, Gennaio e Febbraio, l’inverno, in blu, il freddo.

La primavera, con Marzo, Aprile e Maggio in verde. La calda estate con Giugno, Luglio e Agosto in rosso.

23468122_10214389413391167_1352268691_o23432963_10214389412591147_1043823828_o

Per completare il vostro calendario per bambini fate poi lo stesso lavoro per il giorno in numero e i giorni della settimana.

Per il giorno in numero, per potere creare tutte le combinazioni per comporre i numeri dall’1 al 31, vi occorrono 12 mattoncini 2x2, su cui scriverete i numero dall’1 al 9 e poi lo 0, l’1 e il 2.

Per i giorni della settimana noi abbiamo usato quelli già stampati per imparare i giorni della settimana, che trovate al link. Altrimenti scriveteli allo stesso modo con il pennarello.

23482990_10214389422511395_549542535_o23468124_10214389407591022_1013771455_o

Durante le vacanze di Natale poi abbiamo aggiunto anche un ultimo mattoncino 2x4 per aggiungere l’anno!!


 A questo punto non vi resta che assemblare la data del giorno nella prima fila della base, e mettere i mesi, e i giorni della settimana dietro, pronti per le date successive, e il calendario fai da te con le Lego Duplo è pronto!

IMG_2728
bambini imparare i giorni della settimana

All’inizio dell’anno scolastico scorso di Cecilia, ovvero la prima elementare, a scuola hanno ripassato il giorni della settimana.

Davo per scontato che Cecilia li sapesse come un adulto, ma ho notato che invece ogni tanto si inceppava su quale giorno veniva prima e quale dopo.

Niente di grave, ma ho pensato di creare, utilizzando le Lego Duplo, un semplicissimo gioco affinché la mia bambina imparasse i giorni della settimana perfettamente.

Come ogni attività, proposta sotto forma di gioco e, se vogliamo, anche un pochino sotto forma di sfida, ha avuto successo e l’ha aiutata a consolidare l’ordine dei giorni della settimana con molta più sicurezza.

Per realizzare questo semplice gioco per imparare i giorni della settimana per bambini vi occorrono solo 7 mattoncini Lego (o simili) di dimensioni 4x2.

Dovrete stampare ed incollare i nomi della settimana sui mattoncini ed io gioco è fatto.
Se avete un pennarello indelebile potete anche scrivere i nomi della settimana direttamente sul mattoncino. Se avete lo scotch di carta potete usare anche un pennarello qualsiasi.

Ovviamente è utile a partire dalla prima elementare, quando i bambini iniziano a leggere, mentre per i più piccoli è meglio la versione qui sotto!


23432340_10214389425391467_1601664987_o

Quest’anno ianfatti bbiamo pensato di rendere utile questo gioco per imparare i numeri della settimana anche per i bambini dell’asilo che ancora non sanno leggere.

Abbiamo legato ogni mattoncino con il giorno della settimana all’azione della filastrocca del pulcino dei giorni della settimana. La conoscete?

E’ la filastrocca che le maestre hanno insegnato sia a Cecilia che a Carolina all’asilo per imparare i giorni della settimana.

E’ molto carina ed orecchiabile, molte semplice da imparare e utile per imparare con facilità!

Vi lascio la filastrocca e il PDF da scaricare gratuitamente e stampare su cui trovare i giorni della settimana della misura dei mattoncini, da ritagliare ed incollare.
Clicca qui per scaricare gratuitamente il PDF con i giorni della settimana da stampare.
E’ un lavoro molto semplice che potrete fare insieme ai vostri bambini, coinvolgendoli anche nella realizzazione del gioco!

P.S.
Da questo lavoretto poi ce ne siamo inventati anche uno nuovo… vi aspetto dopo per scoprirlo!

Filastrocca “I giorni della settimana del pulcino”

Lunedì chiusin chiusino,
Martedì bucò l’ovino,
uscì fuori Mercoledì,
“Pio, pio, pio” fe’ Giovedì,
Venerdì fa un bel saltino,
Beccò Sabato un granino.
La Domenica mattina
aveva già la sua crestina.


Leggi anche: Filastrocca per bambini per imparare i nomi delle dita delle mani


imparare giorni della settimana bambini
ricetta pizzette bar

Avete presente le pizzette tonde dei bar? Quelle morbidissime, dal sapore anche un po’ dolce, che si vedono spesso nei buffet, ai compleanni e in pasticceria, per cui i bambini impazziscono?

Ecco questa è la ricetta di quelle pizzette lì, quelle morbide dei bar. Però no, non è proprio la ricetta di quelle pizzette lì, perché queste hanno il loro stesso sapore e sono ugualmente buone, ma molto molto più sane!

Se proverete a preparare queste pizzette con la nostra ricetta, vedrete che è così semplice e buona che non la mollerete più e la utilizzerete per le merende dei vostri bambini, ai compleanni o quando arrivano gli amichetti in visita!

Io le preparo in abbondanza e poi le congelo. 

Se mi servono le pizzette la mattina ad esempio, le tiro fuori la sera prima di andare a dormire e le lascio nel loro sacchetto.

Durante la notte loro si scongelano e per la mattina sono perfette, come appena fatte.

In questo modo i nostri bambini possono portarsi la mattina a merenda queste pizzette come se le avessimo appena preparate. E’ un ottimo modo di organizzarsi per variare e fare contenti i nostri bambini per la merenda a scuola, senza dovere ricorrere ai prodotti già fatti che sono sì molto comodi ma spesso un’alternativa poco salutare, da non prendere in considerazione quotidianamente.

Io adotto la stessa tecnica anche per quando devo organizzare un buffet, coma ad esempio quello di un compleanno delle bambine.

I lievitati, come i panini dolci con le gocce di cioccolata o queste pizzette, possono essere preparati in anticipo e scongelati a temperatura ambiente la sera prima della festa.

In questo modo ci si ritrova una buona parte del buffet pronto ma ci si è divise il lavoro con largo anticipo!

Vedrete negli ingredienti che la quantità di lievito di birra utilizzata è veramente poca.

Ricordatevi che in qualsiasi ricetta voi troviate, la quantità del lievito di birra (che in genere  sempre molto alta, tipo 20-25g per 500g di farina) può essere sempre ridotta, basta semplicemente allungare i tempi di lievitazione.

In questo modo otterrete un prodotto molto più digeribile e anche molto più buono, perché non si sentirà più quel fastidioso retrogusto di lievito. 

In più anche se esiguo perché per fortuna il lievito costa poco, è comunque anche un risparmio, perché con un panetto di lievito potrete preparare molte ricette!

E il vostro stomaco ringrazierà

Buone pizzette!



IMG_0451

Ricetta pizzette morbide come quelle del bar

Ingredienti:
500 gr di farina tipo 2 (oppure 250g di farina 0 e 250g di farina integrale)
250g di acqua
5g di lievito di birra fresco
25g di burro di panna fresca (oppure di olio di mais)
10g olio extra vergine di oliva
15g di zucchero di canna integrale
7g di sale fino marino
250g di passata di pomodoro

Procedimento:
IMG_0347IMG_0348IMG_0351
Versate l'acqua a temperatura ambiente in una brocca e scioglieteci all'interno il lievito e lo zucchero. Mettete la farina e il sale in una ciotola, mescolate e poi create il cratere in cui verserete l'acqua con lo zucchero e il lievito.
Lavorate con un cucchiaio in modo da avere un impasto omogeneo, ed aggiungete poi il burro e l'olio e impastate fino ad avere un impasto liscio ed omogeneo.
 

IMG_0367IMG_0380IMG_0373





Mettete l'impasto così ottenuto in una ciotola a lievitare per circa 2 ore e mezza, 3.
Quando sarà circa raddoppiato stendetelo sulla spianatoia spolverata con della farina perché non si attacchi, con il mattarello, allo spessore di cira qualche millimetro e con un bicchiere o un taglia pasta tondo ritagliate tante pizzette.
Adagiatele su una teglia rivestita di carta da forno e lasciatele lievitare un'altra ora.
Intanto condite la passata di pomodoro con un cucchiaio di olio e un pizzico di sale.
Cuocete in forno caldo ventilato a 200° per circa 10 minuti.


Pufi_11

Ricordo un giorno di tanti anni fa in cui ero in macchina con la mia famiglia e i miei genitori stavano parlando di un brutto fatto che era capitato il giorno prima nel nostro paese: era stato ritrovato un cane morto, con evidenti segni di violenza. La cosa mi aveva spaventato tanto e sentivo di me tanta rabbia verso chi poteva avere compiuto qualcosa del genere. 

Ricordo benissimo la frase che disse mio papà, che mi sono ritrovata a condividere per tutta la vita. Ricordo che mio papà disse: “Chi fa del male agli animali mi fa paura, perché se è capace di fare del male ad un animale, sarà capace di farlo anche ad un uomo”.

Condivido questa frase perché credo che chi sia in grado di colpire un essere vivente molto più fragile ed indifeso di noi, come un animale, forse non si farebbe troppi scrupoli nel farlo anche ad una persona, se di trovasse nelle condizioni.

Per questo quando sento parlare della condizione dei cani randagi in Romania mi vengono i brividi.
In Romania il randagismo è fuori controllo e spesso i cani abbandonati vengono soppressi con metodi violenti. 

La situazione è veramente grave ma per fortuna nel 2002 è nata un’associazione, Save the Dogs and other Animals, che lavora aiutare questi animali e dare loro una salvezza.
Save the Dogs and other Animals si occupa sia di attività di pronto soccorso veterinario che di sensibilizzazione e in più ha messo in piedi  un intenso programma di adozioni internazionali.

Per i cani e gatti che vengono soccorsi dalla strada viene cercato di trovare una famiglia in tempi brevi anche se purtroppo non sempre è possibile, a causa di problemi di salute o comportamentali alcuni animali.

In questi casi gli animali vengono accolti nel rifugio Footprints of Joy  e per loro è dedicato il programma di adozioni a distanza. 

Essere adottati a distanza è l’opportunità di ricevere cure, cibo e amore da una famiglia lontana, prima di incontrarne una reale all’estero. 

L’obiettivo è dunque quello di trasformare le singole tristi storie in tanti lieto fine, realizzabili solo grazie all’aiuto di persone generose e sensibili. 

Un altro modo per sostenere Save the Dogs è acquistare uno dei gadget dedicati alla campagna, per sé o come regali all’insegna della solidarietà e dell’amore, disponibili qui https://worthwearing.org/store/save-the-dogs-and-other-animals.

Trovata tutte le informazioni necessarie sul sito dell’associazione Save the Dogs.

Banner con slogan


#adottamiadistanza


TORTA SALATA NATALE

Questa torta salata non solo è di sicuro effetto visivo, perché è bellissima, ma è anche buonissima.
Il connubio pastasfoglia pesto è veramente molto, molto buono!

So che la pasta sfoglia pronta del banco frigo non è proprio la soluzione più salutare, ma diciamo che, un paio di volte all'anno si può fare!

Tra l'altro ho fatto prima una piccola ricerca per individuare la pasta sfoglia migliore da consiglirvi ma, haimè, qullo che posso dirvi è che al massimo potremo parlare di meno peggiore, e forse non sarebbe abbastanza!

 Magari torneremo a parlare di pasta sfoglia perché ci sono molte cose interessanti da sapere!

Tortando al nostro albero salato, una possibile alternativa potrebbe essere quello di preparalo con della pasta di pane, e fare quindi una specie di pane lievitato ripieno di pesto. Non dovrebbe essere male e potrebbe essere di sicuro un esperimento per il prossimo Natale.

Si potrebbe anche usare la pasta matta o la finta sfoglia, anche se a dire il vero penso verrebbe meglio con la prima mentre la seconda è più adatta alle torte salate classiche.

Ultima not che voglio aggiunge è che avevo visto realizzate queste torte salate a forma di albero in diversi video on line, ma tutti utilizzavano due rotoli di pasta sfoglia tondi, ricavando così un solo albero.

Se invece avrete la furbiza di utilizzare 2 rotoli di pasta sfoglia rettangolari, unendo i due triangoli che eliminerete ai lati, potrete creare un altro albero. Otterrete così 2 torte salate senza nessuno spreco.
 
IMG_0329

Ricetta torta salata albero

Ingredienti:
2 rotoli di pasta sfoglia rettangolari
150g di pesto genovese (o di patè di olive)

Procedimento:
125

 Stendete la prima sfoglia e spalmate con un cucchiaio il pesto su tutta la superficie. Appoggiate la sconda sfoglialgiate la forma dell'albero. Eliminate due traingoli laterali e uniteli formando un nuovo albero su un altro foglio di carta da forno.

634
 Da uno dei rettangoli sottostante create il tronco del secondo albero e mettete da parte il rettangolo rimanente. Io l'ho utilizzato per potere assaggaire come era venuta la torta salata, altrimenti potete usarlo per ricavare due stelle da mettere in cima agli alberi.
Con il coltello a punta tagliate tante strisce orizzontali, come nella foto, in entrambi gli alberi. Arrotolate queste strisce su loro stesse.

7IMG_0323
 Spennellate con dell'acqua o un uovo sbattutoo i due alberi e cuocete in forno caldo ventilato a 180° per 20 minuti.

IMG_0324
primo bambini natale

I candy cane sono dei bastoncini di zucchero colorati a righe bianche e rosse che fanno parte della tradizione americana.

Devono la loro forma alla J di Jesus, perché la pasticcerà che li inventò desiderava un dolce da dedicare a Gesù.

Avevamo già giocato con questa forma tutta natalizia con i biscotti candy cane e i panini bicolore candy cane gli anni passati, così quest’anno ci siamo inventate una ricetta altrettanto divertente ma ancora più semplice e veloce, per trasformare un normale piatto di spaghetti al pomodoro in un piatto super divertente e natalizio


candy cane ricetta

pane-bicolore-natale_thumb3

Provate a prepararli per i vostri bambini per questi ultimi giorni di vacanze e vedrete che la sorpresa è assicurata!!!

 

Ricetta Primo per le vacanze di Natale dei bambini:

Spaghetti Candy Cane

Ingredienti
Spaghetti (noi semi-integrali)
Passata di pomodoro
Procedimento:
IMG_9250IMG_9251
Mettete una pentola sull’acqua e quando bolle buttate gli spaghetti. Nel frattempo preparate un veloce sugo di pomodoro mettendo in un pentolino la passata di pomodoro, un pizzico di sale marino, un cucchiaino d’olio extra vergine di oliva e uno spicchio d’aglio.
Lasciate cuocere il tempo della cottura della pasta poi spegnete ed eliminate lo spicchio d’aglio.

IMG_9252IMG_9253
Scolate gli spaghetti, conditeli con dell’olio extra vergine di oliva e disponeteli nel piatto dandogli la forma del bastoncino candy cane.
Con un cucchiaio versate il sugo di pomodoro a strisce così da disegnare le strisce rosse del candy cane.

1
biscotti natale

Prima di tutto, tantissimi auguri di Buon Anno!

Finalmente è arrivato, con la sua bella pancia tonda e l’aria simpatica, perché diciamolo, l’otto è di per sé più simpatico di quel culo secco del 7!

Forse perché l’8 è più altruista perché divisibile per due, o forse perché unito all’1 non ci evoca numeri sfortunati  e gesti poco carini… insomma almeno da parte mia questo 2018 era abbastanza atteso!

Forse più per partito preso, per la voglia di lasciare il vecchio e la curiosità del nuovo, perché non che poi questo 2017 sia stato poi così male eh!

Anzi devo dire che il nostro 2017 ci ha dato grandi soddisfazioni, prima fra tutte ci ha dato il primo Natale dopo 5 anni in cui non c’era nessuno in casa con la febbre.

Eh già,  siamo partiti nel 2013 con il primo anno di asilo di Cecilia, che ha ben pensato di regalare per il giorno di Natale una bella influenza con febbrona e tutto quanto al suo papà. Insomma quando fa i regali non si vuole mica fare guardare dietro.

IMG_0147
Natale

Poi c’è stato il 2014, con una bella broncopolmonite di Cecilia. Il 2015 sembrava stessimo tutti bene e per la cena della Vigilia abbiamo anche cantato vittoria, per poi trovare la mattina di Natale Cecilia con 39.
L’anno scorso invece è stato il turno di Carolina, con una bella otite perforante e serata di Natale passata al Pronto Soccorso.
Insomma l’influenza di Natale si era ormai guadagnata uno dei primi posti tra le tradizioni della nostra famiglia, e invece per fortuna quest’anno è stata abbandonata!
Si è vero c’è ancora la Befana, ma non conterebbe più! 

IMG_0184IMG_0185IMG_0186

Ecco allora la nosta prima ricetta dell’anno!
Devo dire che per queste vacanze abbiamo cucinato tanto, e anche se in ritardo vi pubblicherò qualche ricettina natalizia, che magari può tornare utile anche per la Befana o, male che vada, il prossimo anno!
Vedrete che alcune ricette non sono super salutiste, o light, o come le volete chiamare, ma io penso che il senso di una cucina equilibrata sia proprio questo: mangiare quotidianamente in maniera sana e varia, e godere di piatti speciali e sicuramente magari meno light e salutari per le feste, altrimenti che periodo speciale sarebbero?
Certo se si è abituati a mangiare bene quotidianamente, non sarà certo qualche stravizio a farci male!

IMG_0426

Questi biscotti ad esempio non sono senza burro come al solito, ma sono dei tradizionali frollini, veramente veramente buoni.  Abbiamo utilizzato la farina semi-integrale comunque, e non troppo zucchero!
Sono buonissimi, e si prestano a mille varianti: potete aggiungere frutta secca a pezzetti, cacao, buccia di limone o arancia bio, cocco… sono fenomenali!
Tanti auguri di un serene, felice e propositivo 2018 !!

IMG_0193
Vigilia di Natale

IMG_8645 

Capodanno

Ricetta biscotti classici

Ingredienti:
250g di farina 0
250g di farina integrale (oppure 500g di farina tipo 2)
160g di zucchero grezzo di canna
3 uova
1 bustina di polvere lievitante
100g burro di panna fresca
Per la versione al cacao:
50g di cacao amaro in polvere
Per la versione con le gocce di cioccolata:
80g di gocce di cioccolata

Procedimento:
IMG_0400IMG_0403
Mettete sul fuoco un pentolino il pentolino e fate sciogliere il burro.
Mettete poi in una terrina lo zucchero e le uova intere e sbattetele energicamente.
Aggiungete il burro fuso, la farina e il lievito, e iniziate a mescolare.
Dopo poco vedrete che è possibile iniziare a lavorarlo con le mani, quindi mettete l’impasto sulla vostra spianatoia e iniziate ad impastare (non mettete ancora la ciotola a bagno nel lavandino perché vi servirà per impastare la parte con il cioccolato).
Se il composto è troppo appiccicoso aggiungete qualche cucchiaio di farina fino a farlo diventare un morbido, simile a una frolla.

IMG_0404IMG_0405
Ora dividete l’impasto in due parti più o meno uguali, e prendiamo quella che ci sembra più piccola.
Rimettiamola nella ciotola, aggiungiamo un cucchiaio di acqua (o due o tre, vedete mano a mano) e il cacao, e impastiamo per ri-amalgamare i nuovi ingredienti. 

All’impasto chiaro invece noi abbiamo aggiunto le gocce di cioccolato, semplicemente re-impastando fino a che l’impasto non le ha inglobate tutte.

Stendete i due impasti singolarmente (vi consiglio di stendere prima l’impasto chiaro in modo da non sporcare la spianatoia di cacao e quindi anche l’impasto più chiaro).
Con il taglia biscotti che preferite ritagliate tante formine e cuocete in forno caldo ventilato a 180°. 


Per le scritte sui biscotti abbiamo usato questo taglia biscotti personalizzabile: