decorazione halloween giardino

Ogni anno Halloween appassiona un po’ di più le bimbe qui in casa e vi dirò che non mi dispiace, perché nelle giuste dosi e nei giusti modi Halloween è una festa simpatica e carina, che può essere utile per scherzare un po’ ed esorcizzare certe paure dei bambini!

Halloween è anche un’occasione carina per parlare un po’ di geografia, di come, dove e perché sia nata questa festa, e di come la festeggiano i bambini in altre parti del mondo!

Detto questo Halloween è comunque una festa lampo, in cui non serve spendere chissà qualche cifra per creare delle decorazioni e delle ricette di Halloween divertenti e d’effetto!

Scarica l’eBook gratuito ricette di Halloween per bambini


44876453_491916447992603_8294150407756709888_n

Sabato mattina ancora belle in pigiama, dopo colazione, abbiamo srotolato il nostro bristol nero da 1 euro.
44846065_1898733056901388_2588816521488760832_n

Con un coperchio abbiamo disegnato i due cerchi per gli occhi, e poi abbiamo disegnato naso e bocca a mano (sono molto semplici).

Potete scegliere se fare una zucca di Halloween più sorridente o più arrabbiata, scherzosa o corrucciata!

44961134_570344826749460_3293729446283968512_n

Poi basta un po’ di scotch e le decorazioni di Halloween da giardino sono pronte per essere attaccate alla porta!

Ugualmente potrete attaccarle anche alle finestre (anche dall’interno).

In entrambi i caso saranno al riparo da pioggia e maltempo, dato che le previsioni per il 31 ottobre non sono molto clementi quasi in tutta Italia!

Con il resto del cartellone nero abbiamo ritagliato qualche pipistrello ed un ragno da appendere attorno alla porta!

44940596_2164452023825979_5435433515707531264_n

I ricordatevi di dare un’occhiata qui sotto!!!!!!!!!!!!!!!

ricette di halloween_thumb[1]
polpette di ricotta

Le polpette di macinato erano uno dei miei piatti preferiti da piccola, uno dei cavalli di battaglia della mia nonna materna!

Ho bellissimi ricordi legati a quelle palline tonde immerse in quel sughino profumato, e qualsiasi polpetta al pomodoro che vedo è capace di evocarmi quelle belle sensazioni!

In realtà però poi a volte che certe polpette siano buonissime mangiate con gli occhi, e una delusione una volta addentate!!

Bhè non è decisamente il caso di queste polpette, una vera delizia!!! E come al solito vi dico... provare per credere!!

Tra l'altro si preparano veramente in 10 minuti, sono un ottima idea per pranzo o per cena e si possono preparare in anticipo e scaldare al momento!

Ricordatevi che essendoci la ricotta il composto rimane piuttosto umido, perciò non aggiungete troppo pangrattato nella speranza di asciugarlo del tutto.

Ovviamente all’inizio scolate bene la ricotta e quando siete intorno ai 100/120 g di pangrattato fermatevi.

Altrimenti rischierete di non avere delle polpette di ricotte abbastanza morbide!

L’accortezza di non aggiungere troppo pangrattato comunque vale per tutti i tipi di polpette, se ne mettete troppo, rischierete di avere delle polpette gnucche!

Perciò aggiungetelo sempre un poco alla volta, e ricordatevi che state facendo delle polpette, non dei biscotti!! Non dobbiamo ottenere una frolla da lavorare!
Winking smile
Detto questo io comunque preferisco, quando posso, utilizzare il pangrattato e non la mollica di pane ammollata, eccetera, eccetera, perché come sapete sono per i procedimenti veloci e snelli, e la
Altro consiglio, ed anche questo vale per tutte le polpette, non fatele troppo grandi, state più sul piccolo.

A volte si ha fretta e si tende a farle grandi ma farle un po’ più piccoline non significa poi perdere chissà quale tempo in più, ma in compenso si cuoceranno sicuramente molto meglio, si insaporiranno di più se sono polpette al sugo, o si doreranno di più se sono polpette asciutte!

Che altro aggiungere… buone polpette!!


Polpette di ricotta light


Ingredienti polpette di ricotta light:
400g di ricotta magra
1 uovo
100g di pangrattato
Opzionale
 2 cucchiai di Parmigiano Grattugiato

Procedimento polpette di ricotta light::
IMG_6983IMG_6984IMG_6985 
Scolate la ricotta, mettetela in una ciotola e schiacciatela con una porchetta.
Se desiderate aggiugnete il parmigiano grattugiato, poi l'uovo e il pangrattato.
Mescolate fino ad ottenere un composto morbido ma lavorabile.
IMG_6989IMG_6990 
In una padella mettete la passata di pomodoro con un filo d'olio e un pizzico di sale.
Quando il sugo sarà caldo agggiungete delicatamete le polpette e cuocete una decina di minuti, girandole a metà cottura.
Plumcake senza burro allo yogurt

Ri-eccomi qua!
Come va?
Per noi è arrivata ufficialmente la prima influenza, e la fortunata è Carolina!
Febbre, raffreddore, mal di gola e mal di testa!
Per fortuna nonostante i bei regali di stagione Carolina è piuttosto tranquilla, non ha perso l'appetito né il buon umore, o la voglia di giocare!
Evidentemente per fortuna questa prima influenza non è di quelle più toste... ma sappiamo che probabilmente è solo un assaggio di quello che l'inverno ci regalerà!!

Ma siamo positive, e non pensiamoci!

Come vi dicevo Carolina non ha perso l'appetito, e lei che a colazione è sempre stata una tipetta da biscotti, da un mesetto si sta convertendo a torte e plumcake!
Guai a non fargliene trovare una pronta  per colazione!

Per fortuna le ricette di torte veloci alla sottoscritta non mancano, e questa è una di quelle!

Un sofficissimo plumcacke allo yogurt, senza burro, con tante gocce di cioccolata!

Leggi tutte le ricette con lo yogurt

L'ideale per una colazione buona e gustosa!

Ovviamente è buonissimo anche senza gocce di cioccolato, perché lo yogurt dà quel saporino alle torte che io adoro, oppure potrete aggiungere all'impasto anche frutta secca tritata, uvetta, o quello che vi viene in mente!

Come al solito è preparato con farina semi-integrale, in questo modo abbasseremo l'indice glicemico del dolce, e introdurremo più fibre, che ci aiuterano a regolarizzare l’intestino e ad aumentare la sazietà, senza neanche accorgervene!

Leggi anche 10 regole per dolci più sani

Per una versione senza latticini è sufficiente utilizzare yogurt di soia e non yogurt di mucca!
Vi lascio allora con la ricetta del plumcake allo yogurt senza burro, buona giornata!! 

Ricetta plumcake allo yogurt senza burro

Ingredienti plumcake allo yogurt senza burro
125g yogurt bianco magro (anche soia)
3 uova
140g di zucchero di canna grezzo
300 g farina semi-integrale tipo 2
80 g di olio di semi
1 bustina di polvere lievitante
1 limone naturale grattugiato + il succo
100 grammi di gocce di cioccolata fondente (o cioccolata tritata al coltello)

Procedimento plumcake allo yogurt senza burro:
43065909_2048109378572546_6645683981788381184_n43009821_1128999380597070_7357549260339937280_n

Mettete in una ciotola yogurt e uova e mescolate. Aggiungete poi l’olio e il resto degli ingredienti e mescolate fino ad ottenere un composto omogeneo. 
Aggiungete le gocce di cioccolata e mescolate ancora.
Rivestite la teglia da plumcake di carta da forno e cuocete in forno caldo ventilato a 180° per circa 30 minuti (fate la prova stecchino come la solito).

43062080_1692890227506564_576241777690804224_n
image

Ottobre significa anche cambio degli armadi!

Chi l'ha già fatto?

Io ho praticamente finito!


Quello che ancora mi manca è tirare fuori i vestiti di Cecilia di quando aveva 5 anni e vedere cosa può andare bene per Carolina.


Anche se sono nate una in estate e l’altra in inverno, devo dire di essere riuscita a riutilizzare praticamente tutto quello che avevo messa da parte di Cecilia.


L’unica cosa che non riesco a riutilizzare  sono le scarpe, perché le bimbe stanno crescendo praticamente allo stesso modo e quindi capita sempre che in inverno a Carolina come numero andrebbero bene le scarpe che Cecilia aveva in estate, e così in estate le andrebbero quelle invernali.
D’altra parte sconsigliano anche di fare riutilizzare le scarpe perché portandole il piedi di ogni persona le modifica e quindi non è il massimo per i loro piedini in crescita!


Comunque il cambio dell’armadio è una di quelle attività che amo fare la prima ora!
Parto con l’entusiasmo e la voglia di tirare fuori i vestiti dell’inverno precedente, che in qualche modo dopo il riposo estivo tornano ad avere quasi il fascino di quelli appena presi!


Ma poi passata la prima ora, sommersa da vestiti e maglioni, con lo spazio che non basta mai e  il pensiero di doverlo fare anche per le bambine, l’entusiasmo lascia lo spazio alla disperazione!!


E’ importantissimo però scherzi a parte non mollare, perché, almeno per me, sistemare male l’armadio a inizio stagione significa averlo sistemato male tutto l’inverno!
Perciò preferisco metterci una mattina in più, ma re-ingegnerizzare gli spazi al meglio, accantonare le cosa che non si usano più e riporre bene anche i vestiti che si mettono via!
Comunque se siete tra quelle fortunate che non devono fare il cambio dell’armadio perché hanno lo spazio per tenere tutto sempre pronto, sappiate che vi invidio molto!!


Martedì mattina così, alle prese con le mie pile di maglie e magliette, avevo bisogno di preparare un piatto facile e veloce, che mi permettesse di rubare meno tempo possibile ai miei lavori negli armadi!
E volevo quindi evitare di dovere uscire a fare la spesa, perdendo altro tempo!


Ho aperto il freezer in cerca di un’ispirazione, ho visto i pisellini surgelati ed è arrivata!
Io tengo sempre un paio di confezioni di piselli surgelati in freezer perché piacciono molto alle mie bambine e li utilizzo in un sacco di ricette!
Questa volta però ho pensato di nasconderli, proprio perché utilizzandoli quasi ogni settimana, non volevo stufare le mie bambine con un eccesso della loro presenza in tavola.


Approfittandone delle ultime foglie di basilico delle piante in giardino, ho pensato di utilizzarli per preparare un pesto super cremoso e delicato, profumatissimo e super sano!
Il risultato è stato così buono che non ho nemmeno dovuto aggiungere il parmigiano grattugiato al pesto, lasciando così solo le proteine dei legumi, che insieme alla pasta rendono questo primo un piatto completo! Aggiungendo un bel contorno il vostro pranzo sarà fatto!


Leggi tutte le ricette con i piselli


Se i vostri bambini sono un po’ più Parmigiano addicted, aggiungetene quattro cucchiaini e li farete felici, pur senza appesantire questo meraviglio sugo di piselli!

Vi lascio allora con la ricetta del pesto di piselli, anche perché devo ancora fare il cambio di stagione delle scarpe!!

Ricetta pesto di piselli

 

Ingredienti pesto di piselli

400g di piselli surgelati
Una decina di foglie di basilico
1 cucchiaino di dado fatto in casa (in alternativa sale q.b)
Opzionale
4 cucchiaino di Parmigiano Reggiano grattugiato

Procedimento pesto di piselli

 43195745_244329956250511_4220816261887557632_n43104943_1079888832171543_2507790017829535744_n
Mettete i piselli surgelati direttamente in padella e cuoceteli con un cucchiaio di olio extra vergine di oliva e un paio di cucchiai di acqua, e il dado fatto in casa (o il sale).
POrtateli a cottura aggiungendo qualche cucchiaio di acqua alla volta quando all’occorrenza.
Una volta cotti frullateli insieme alle foglie di basilico lavate ed sciugate, e a due cucchiai di olio etra vergine di oliva. Se lo gradite aggiungete anche il Parmigiano Grattugiato.
Assaggiate e in caso regolate di sale.
Cuocete la pasta, e una volta cotta e scolata conditela con questo cremoso e delizioso pesto di piselli.

merendine alla ricotta bambini

Cosa mangiamo domani a colazione?

Cosa mettere nella merenda per la scuola?

Quante volte in una settimana ci facciamo questa domanda?

Come vi ho raccontato altre volte, Cecilia la mattina ha lo stomachino chiuso, e quindi è quasi sempre un’impresa farle mangiare qualcosa!

Per fortuna invece Carolina di mattina ha fame e mangia sempre la torta o i biscotti che ci sono con un po’ di caffè d’orzo solubile!

I suoi biscotti preferiti sono i biscotti di topolino oppure questi biscotti di pasta frolla vegan al cacao, altrimenti se siamo a secco e non abbiamo preparato niente tengo sempre come scorta quelli che usiamo anche per preparare i gelati biscotto.

Capita però che Cecilia se ne vada a scuola con la pancia praticamente vuota, e così cerco di farle portare nello zaino qualcosa che mangia volentieri, che sia quindi buono ma anche sano, e che le dia anche un quell'energia, che a colazione non prende.

Sappiamo tutti che l’ideale sarebbe partire con una buona colazione, per poi spezzare la mattina con una merenda leggera, come un frutto, ed arrivare così con la giusta fame a pranzo!

Ma sappiamo anche che con i bambini la teoria può essere molto difficile da attuare, e che la pratica a volte è tutta un’altra cosa!

Così per non lasciare digiuna la mia ragazza fino a pranzo, questa è una delle nostre merendine furbe: buona e sana, morbidissima e profumata, per un pieno di energia a metà mattina!

Io le ho lasciate così lisce volutamente, ma potrete arricchirle con le mie amate gocce di cioccolata, della frutta secca, o anche perché no, un ripieno di marmellata o crema di nocciola.

TORTA RICOTTA SENZA BURRO E UOVA

L’idea di queste merendine alla ricotta senza uova è venuta dalla nostra torta ala ricotta solo ricotta, una vecchia amica di casa nostra che però non preparavo da un pochino!

Se non l’avete mai provata dovete assolutamente rimediare perché è una torta magica che si prepara con solo 4 ingredienti e si trasforma in una bontà unica!

Invece di cuocerla nella tortiera abbiamo diviso l'impasto in polpettine, ed ecco le nostre merendine alla ricotta, buone e leggere, velocissie e facilissime da preparare, con pochissimi ingredienti e senza uova!

Ricetta merendine alla ricotta (senza uova)

Ingredienti merendine alla ricotta:
250g di ricotta
250g di farina  (io tipo 1)
150g di zucchero di canna grezzo o integrale
1 bustina di polvere lievitante


Procedimento merendine alla ricotta:
42714064_248317522551678_2423294095423176704_n42617356_922675741250954_7348282271398363136_n
Mettete tutti gli ingredienti in una ciotola ed impastateli insieme, prima con un cucchiaio poi con le mani, fino ad ottenere una specie di pagnotta.
Rivestite una teglia di carta da forno e div idete l'impasto in palline (noi ne abbiamo ricavate 9, potete farle anche un po' più piccoline perché lievitando raddoppiano).
Cuocete in forno preriscaldato (150°, ventilato) per circa 15-20 minuti.
Polpette di lenticchie con pomodorini e olive taggiasche

Non so da voi, ma da noi da un paio di giorni è arrivato ufficialmente il primo freddo!
O meglio, nella prima e nell'ultima parte della giornata, ci troviamo in pieno in autunno, per poi ripiombare in estate al centro!
Dal 31 agosto all’1 settembre, a parole, sembra che non ci siano 24 ore ma un arco spazio-temporale enorme!
Poi quando effettivamente questo primo settembre arriva, e dopo poco anche l’inizio della scuola, l’estate ancora non lo sa o non se ne vuole rendere conto che è ora di andare…
E allora sta lì e non molla, e ci fa dividere in due: c’è chi sospira un po’ di fresco e chi festeggia il caldo che non passa.
Dciamo che queste giornate, passando dal freddo pungente ad un bel caldino, forse non vorrebbero scontentare nessuno, ma in realtà quello che ci ritroviamo sono i primi raffreddori e le prime influenze di stagione!

Insomma tutto questo per dirti, mio caro autunno, di non fare il timido!
Ormai è ora, non indietreggiare, noi ti aspettiamo a braccia aperte!

Anche perché autunno mio, sei una stagione meravigliosa, quando non fai scherzi, e in più lo sappiamo che ci traghetti piano piano verso il 25 dicembre!!
Alzi la mano chi ha bambini che hanno chiesto quanto manca alle vacanze di Natale?!
Cecilia e Carolina avevano già fatto i conti, un po' a modo loro, il primo giorno di scuola!
E in questo periodo di transizione abbiamo bisogno di mangiare bene, ma di farci anche coccolare dal cibo!
Che non può essere più quello 100% estivo, ma neanche quello adatto alle temperature più fredde!
Queste deliziose polpette vegan fanno al caso nostro!
La polpetta di lenticchie, preparata così, simile a quelle di macinato, ci evoca l’inverno, ma il basilico, i pomodorini e le olive taggiasche ci tengono ancora vivi i profumi dell’estate!
Accompagnate poi da della polenta integrale (ovviamente quella che si prepara in 5 minuti) sono un piatto unico perfetto, sano ed equilibrato! 
Manca solo il contorno e la cena è pronta!
Queste polpette di lenticchie sono senza uova, perché come sapete cerco quando è possibile di non mischiare le proteine e di non abusare delle uova. E in questo caso le uova non servono proprio perché se seguirete il mio procedimento l’impasto legherà perfettamente anche senza uova,
Leggi anche: Le uova fanno male?

Il consiglio in più è un contorno con una verdura ricca di vitamina C, come ad esempio peperoni gialli o broccoli o carote grattugiate condite con olio e limone, perché come sapere la vitamina C aumenta l’assimilazione del ferro, di cui le lenticchie sono ricche.
Vediamo allora come preparare queste deliziose polpette vegan di lenticchie con pomodorini e olive taggiasche, comodissime perché potrete anche preparare in anticipo e scaldare al momento (in estate sono ottime anche fredde).

Ricetta polpette di lenticchie con pomodorini e olive taggiasche

 

Ingredienti delle polpette di lenticchie con pomodorini e olive taggiasche

 

1 cipolla
1 carota
140g di lenticchie
80g di pangrattato circa
500g di pomodorini (io vesuviani)
2 cucchiai di olive taggiasche
Qualche foglia di basilico

Procedimento delle polpette di lenticchie con pomodorini e olive taggiasche

 

42582151_324540618280337_4881904624589602816_n42699021_331413470943904_5039734137162825728_n 
Tritate in un mixer la cipolla e la carota e mettetele in padella insieme a qualche cucchiaio di acqua e il sale (non serve aggiungere olio! Niente grassi per ora!).
Quando le verdure si saranno stufate un pochino aggiungete le lenticchie e lasciate asciugare l'acqua completamente.
Sfumate a fiamma alta il bicchiere di vino bianco, e quando sarà evaporato aggiungete un po' d'acqua alla volta fino a che non avrete portato a cottura le lenticchie.
Le lenticchie dovranno risultare molto morbide, alcune dovranno essersi ridotte in purea.
Quando avrete raggiunto questa questa consistenza, lasciate evaporare del tutto l'acqua e spegnete.
Fate intiepidire le lenticchie e mettetele in una ciotola, in cui aggiungerete il pane grattugiato, un po' alla volta (potrebbe servire anche di meno).
Mecolate per bene, prima con un cucchiaio, e poi con le mani, in maniera da amalgaare perfettamente le lenticchie con il pangrattato.
Con le mani prendete piccole quantità di impasto e formate delle polpettine grandi come una noce.
Lavate e tagliate i pomodorini a pezzettini.
Ungete con un filo d'olio una padella antiaderente, e rosolate le polpette girandole un pochino.
Aggiungete poi i pomodori e le olive taggiasche e cuocete per altri 5/10 minuti a fiamma bassa.
Spegnete ed aggiungete qualche foglia di basilico!
Servite calde, fredde o tiepide, a seconda della stagione in cui le mangiate!


42535611_723438081326211_430880069846564864_n
42287186_244298262877199_8041065315196469248_n

Credo che oggi ormai qualsiasi persona sappia cos’è la celiachia.

Anche i bambini, quando iniziano a frequentare l’asilo e altri bambini, imparano già dalla tenera età a scoprire cosa significhi questa parola, perché ahimè i casi sono in aumento.

La celiachia è una malattia autoimmune provocata dal glutine.

Quando una persona celiaca mangia un cereale contenenti glutine, come il frumento, la segale, il farro e l’orzo, l’intestino tenue si infiamma, provocando numerosi problemi.

Se non si modificano le abitudini alimentari,la mucosa danneggiata dell’intestino tenue non è più in grado di metabolizzare sufficientemente le sostanze nutritive, con conseguente malnutrizione.

Oggi rispetto ad un tempo è molto più semplice riuscire a trovare questa malattia, e per fortuna è anche molto più semplice conviverci, perché non è più un’impresa trovare alimenti privi di glutine, e sostitutivi creati ad hoc per permettere alle persone celiache di non dovere rinunciare ormai quasi più a niente.
 
Certo non tutte le preparazioni sono buone come l’originale, e lo stesso si può dire della qualità degli ingredienti.

Cos’ se una volta era difficile trovare prodotti per celiaci, ora bisogna destreggiarsi tra le tante offerto, cercando le migliori in termini di bontà e qualità, ma anche di convenienza.

Dall’esperienza centenaria in campo gastrointestinale di Giuliani, è nata la linea Giusto® Senza Glutine che rappresenta il perfetto esempio dell’unione di due culture: quella alimentare e quella scientifica.

Punto di forza dell’azienda è l’elevata competenza e i continui investimenti in ambito di Ricerca e Sviluppo: per questo la linea Giusto è in grado di offrire ogni 3 mesi circa nuovi prodotti ai propri consumatori, contando oltre 100 prodotti diversi.

La Linea di Giuliani si propone quindi di offrire ai propri clienti “La qualità che cerchi, il gusto che vuoi!”. 

Tutti i prodotti tengono in particolare considerazione le intolleranze (senza lattosio, senza olio di palma, senza lievito ecc.), perché la percentuale di persone con intolleranze è sempre in aumento negli ultimi anni.

Io mi sono divertita a fare un piccolo esperimento e ho messo in tavola la Pagnottella a lievitazione naturale senza glutine della linea Giusto® Senza Glutine di Giuliani e non ho detto niente a nessuno.

42249001_2175246649416160_2592454251414290432_n

Se siete celiaci o avete assaggiato prodotti di questo tipo sapete che la sfida più dura si presenta con pasta e pane, anzi ancora di più con il pane che con la pasta, che spesso risulta poco soffice e colloso.
Il risultato è che nessuno se ne  è accorto e anzi Carolina mi ha detto che il pane era buonissimo!
Trovate la linea di prodotti Giusto in farmacia e nei negozi specializzati nella vendita di prodotti senza glutine, e in diverse insegne della GDO come Coop e Carrefour.

42257204_438158853375562_3059440363266637824_n

Tutti i prodotti della linea sono notificati al Ministero della Salute e sono inseriti nel Registro dei prodotti rimborsabili (il Bollino Ministeriale, apposto su tutte le confezioni, assicura che il prodotto è idoneo al celiaco).

I prodotti sono adatti anche a chi è intollerante al glutine o a chi ha per scelta voluto avvicinarsi alla dieta senza glutine perché sono buoni e non hanno nulla da invidiare ai prodotti con il glutine!
A noi piace tantissimo il pan leggero e le piadine wrap!

42217594_554734401646717_2525241668249059328_n

Biscotti allo sciroppo d'acero

Lo sciroppo d'acero è un dolcificante naturale molto utilizzato nel Nord America, e viene ottenuto bollendo la linfa dell'acero da zucchero e dell'acero nero.

Il principale produttore è il Canada, l'acero è così importante in Canada che è rappresentato sulla sua bandiera nazionale. 

A me piace molto, ma d'altra parte esistono poche cose dolci che non mi piacciono!!

Lo sciroppo d'acero è diventato famoso in tutto il mondo per il suo utilizzo nella tipica colazione americana, versato sopra i pancake, ma si può usare anche per glassare il pesce o la carne o sempicemente come dolcificante nella preparazione di torte e biscotti.


Attenzione però perché non potrete prendere una qualsiasi ricetta di torta o biscotti e sostituire semplicemente lo zucchero con lo sciroppo d'acero, perché questo è liquido mentre lo zucchero è secco. Facendo così infatti altereremmo l'equilibrio degli ingredienti della ricetta, ottenendo sicuramente un mappazzone.

Questo ovviamente vale per qualsiai sostituzione degli ingredienti di un dolce, perché per la sua corretta riuscita si deve mantenere il giusto equilibro tra ingredienti secchi e liquidi della ricetta, perché in fondo è una ricetta è come se fosse una formula chimica, o se vogliamo essere più romantiche, una formula magica, dove se si cambia qualcosa senza sapere dove mettere le mani, si richia di rovinare tutto!

Vi è mai capitato?

Se volete provare questo dolcificante naturale (o qualsiasi altro dolcificante liquido, come il miele) questi biscotti allo sciroppo d'acero sono super sicuri e collaudati, oltre che super buoni!

Io ho imparato a tenere lo sciroppo d'acero in dispensa perché mi piace molto, e pur essendo, come tutti i dolcificanti, un alimento calorico, ha molte proprietà!

Lo sciroppo d'acero è comunque il terzo dolcificante naturale meno calorico (i primi due sono la melassa e dalla stevia, quella vera però attenzione!).

Lo sciroppo d’acero ha un alto contenuto di sali minerali, in particolare potassio, manganese, magnesio e zinco ed ha proprietà depurative oltre che energizzanti. 

Lo sciroppo d'acero è classificato in diversi gradi, che variano per colore e sapore: grado A, B o C. 

  • Lo sciroppo d'acero di grado A è il più raffinato ed è, di conseguenza, il più chiaro e il più delicato di sapore (ricorda vagamente quello del miele). 
  • Lo sciroppo d'acero di grado C, invece, è il meno raffinato, quindi è anche il più scuro e ha il sapore più intenso: un misto tra melassa e caramello. Ovviamente è di grado C quello più ricco di calcio, zinco, manganese e ferro.
  • Lo sciroppo d'acero di grado B è una via di mezzo tra A e C.

Lo sciroppo d'acero che ho utilizzato io è quello di grado C

Ricetta biscotti allo sciroppo d’acero

Ingredienti biscotti allo sciroppo d’acero:
250g di farina tipo 2 (oppure il solito mix integrale e 0)
80g disciroppo d'acero
60g di acqua
60g di olio di  mais biologico
1 cucchiaino di polvere lievitante
1 limone naturale o una stecca di vaniglia

Preparazione biscotti allo sciroppo d’acero:
IMG_0454IMG_0456
In una ciotola mischiate la/e farina/e, la polvere lievitante.

Mettete l'acqua e lo sciroppo d’acero in un pentolino e mettetelo sul fuoco a fiamma bassa. Mescolate fino a fare sciogliere lo sciroppo.
Togliete dalla fiamma, e aggiungete l'olio di mais.
Mescolate ancora e infine aggiungete questo composto liquido alla farina e mescolate fino ad ottenere un composto omogeneo e molto morbido.

Lasciate raffreddare l’impasto coperto, altrimenti fonderà le gocce di cioccolata (potete metterlo anche in frigo mezzoretta) e quando non sarà più caldo aggiungete le gocce di cioccolata.

Trascorso questo tempo prendete piccoli pezzi di impasto e con rotolandolo nelle mani fate tante palline e disponetele su una teglia rivestita di carta da forno.

Cuocete in forno caldo ventilato a 180° per circa 10 minuti.
bic2

Se vi dico “penna cancellabile” a cosa pensate?

Credo che tutti mi risponderete, alle Scuole Elemementari!

Come era strana quella sensazione che si provava quando si scriveva con la penna cancellabile! 

Succedeva anche a voi?

Io ricordo che il tratto della penna cancellabile ai miei tempi era molto meno scorrevole della penna classica e per questo scriverci era molto meno piacevole!

Ora le cose sono decisamente cambiate e vi sfido a provare a scrivere con una Bic Gelocity Illusion ed accorgervi che è una penna cancellabile!

La nuova penna Bic Gelocity Illusion infatti è prodotta con un inchiostro gel termosensibile che garantisce una scrittura scorrevole.

Unito a questo c’è una maggiore cancellabilità così da lasciare i fogli intatti, senza rovinarli.
Addio buchi nei quadernoni!

La punta a sfera di 0,7 mm e il design è veramente moderno, colorato e vivace!

Un’altra fantastica particolarità di questa penna è la possibilità di essere ricaricata, così da dovere sprecare molta plastica in meno!!

Ai miei tempi le penne cancellabili erano sono blu e rosse mentre ora Bic Gelocity Illusion è disponibile in 4 colori “classici”: nero, blu, rosso e verde, e in 4 colori “fun”: viola, rosa, azzurro e arancione.

Insomma c’è veramente da sbizzarrire la propria creatività.

Per questo la penna #BICGelocityIllusion è adatta a tutte le età e non solo ai bambini delle elementari! Chiunque desidererà scrivere o prendere appunti ordinati e privi di errori, troverà in questa penna l’alleato perfetto!
mykonos

Le vacanze sono appena finite o, se siete più fortunati, sono veramente agli sgoccioli, perciò la cosa da fare ora per tirare avanti è solo una: pensare alle prossime vacanze!

Non vorrete mica incappare nella post-travel depression?

Il modo migliore per scongiurarla è allora pensare al futuro e, perché no, magari tentare proprio di farsi una vacanza gratis, grazie a quelle appena trascorse!
Come?
Partecipando al concorso di Eurospin Viaggi “Il colore della tua estate”!

Come funziona?

Per partecipare al concorso basta andare sul sito di Eurospin Viaggi, registrarsi e caricare una foto rappresentativa delle proprie vacanze, indicare dove è stata scattata e scegliere un colore che la rappresenta.  

Le foto, una volta approvate saranno visibili sul portale di Eurospin Viaggi.

Affrettatevi perché il concorso “Il colore della tua estate” termina il 15 Settembre.

Al termine del concorso l’immagine migliore, più creativa e rappresentativa verrà premiata da una giuria con un buono viaggio da 2000 euro con Eurospin Viaggi.Il 2, 3, 4, 5 classificato riceveranno come premio di consolazione buoni per la stampa di foto del valore di 25 euro.

Forse partecipare ci aiuterà a superare la depressione da ritorno delle vacanze, ma ancora di più vi permetterà di conosce (se già non lo conoscevate) un ottimo portale di vendita online di vacanze.Io non lo conoscevo e sono rimasta piacevolmente sorpresa.

Eurospin Viaggi fornisce ai propri clienti viaggi di qualità al miglior prezzo.

Così come per i supermercati, l’obiettivo è quello di assicurare al cliente il massimo risparmio senza dover rinunciare alla qualità.

Il sito offre tantissime opportunità vantaggio per le famiglie, basta pensare che oltre il 90% delle offerte hanno formula bimbo gratis fino a 7-8 anni o sconti e riduzioni fino al 50% dai 7-8 anni in su.
E una volta prenotato Eurospin Viaggi ti assicura di non trovare nessuna sorpresa nel conto finale.
I suoi preventivi infatti non nascondono sorprese: su nessun pacchetto sono previsti costi aggiuntivi di iscrizione e/o prenotazione, tasse aeroportuali o portuali.

E chi prenota con largo anticipo potrà usufruire di sconti fino al 20% e numerosi vantaggi.

Insomma cosa aggiungere… è già ora di andare a sbirciare per le prossime vacanze e tentare di vincerne una… o male che ci vada, di prenotare la prossima con un bello sconto #eurospinviaggi!
#ilcoloredellatuaestate #ad
Back to school 042

Settembre is the new Gennaio, per chi va a scuola, o ha figli che vanno a scuola!!

Sì perché a metà settembre inizia il nuovo anno scolastico e non ci si può certo fare trovare impreparati e disorganizzati il primo giorno di scuola!

Zaino, grembiuli, astuccio, matite, tutto deve essere già pronto fin dal primo giorno sui banchi!

E così prima del suono della campanella inizia per noi mamme la caccia al tesoro del materiale scolastico necessario.

Io personalmente preferisco comprare tutto in un’unica soluzione, o meglio, preferisco affidarmi ad un negozio dove potere trovare tutto il materiale scolastico che serve alle mie bambine, che ovviamente sia di qualità e a buon prezzo, senza dovere girare come una pazza per 100 negozi alla ricerca di un pezzo di qua e un altro di là!

Per le mamme ( e i babbi) del panorama milanese, la risposta è il Fiordaliso, uno tra i centri commerciali più rinomati: 130 negozi dei migliori brand tra cui abbigliamento, accessori, beni per la casa e la persona, libri e sì, cartoleria.

Al suo interno poi trovate anche la mitica Iper la grande i, con la sua ricca e super vantaggiosa offerta per il materiale scolastico.

E per ottimizzare ancora di più, dopo avere preso tutto per un perfetto ritorno a scuola, possiamo approfittarne per un po’ di shopping per gli outfit autunnali dei nostri bambini, e perché no, anche dei nostri!

Se i bambini hanno bisogno di scaricarsi un pochino sarà obbligatoria la tappa all’Area Bimbi, e quando avranno fame risolverete con un gelato nell’Area Food.

A questo punto un regalino per la mamma è assolutamente meritato!

Se vi rimane ancora un po’ di energia (e lo shopping per mamma serve anche a quello, a ricaricare le batterie) potete approfittarne per un po’ di spesa da Iper la grande i, dove troverete la nuova gastronomia pronta ad aiutarvi per cena con ottime ricette pronte da gustare… perché dopo una giornata così non avrete mica ancora l’energia per preparare da mangiare??

Questo weekend poi troverete una bellissima sorpresa al Fiordaliso: sabato 8 e domenica 9 arriva il Winx Talent & Glitter Tour, due giorni dedicati alle fate più amate dai bambini.

Troverete tantissimi laboratori, Smart game, spettacoli e due incredibili Meet & Greet con Bloom, Stella, Flora, Tecna, Musa e Aisha.

Carolina impazzirebbe!

Le Winx, incontreranno il loro pubblico in un grande evento dal vivo ricco di giochi, musica e magia!
In questa occasione poi ci sarà anche il casting per trovare nuovi talenti tra i 4 e i 12 anni.

Le Winx stanno infatti cercando nuovi aiuti!

All’evento sarà presente anche la nuova Influener ufficiale del centro commerciale, Elvira Barile, vincitrice di Born To Be Influencer.

Il centro Fiordaliso si trova a Rozzano, in Via Curiel 25 (uscita 7bis della Tangenziale Ovest direzione centro commerciale).

/#ccfiordaliso #ilmiopreferito #fiordaliso #ad
squishy fai da te

Sabbia, mare, sole, quanto ci hanno fatto fantasticare queste parole durante l’inverno??
 
Quante volte abbiamo contato sul calendario i giorni che mancavano alle vacanze?
 
Quanti conti alla rovescia abbiamo fatto!

Ed eccoci qui, non manca niente, ci sono le vacanze, la sabbia, il mare  e il sole!

Ma com’è che allora Carolina piange?
 
Perché Cecilia urla?

Perché stanno llitigando?

Perché si sono insabbiate tutte che devo ancora mettergli la crema e finirò per impiastricciarle tutte come neanche l’amalgama di un muratore?

E perché hanno fame, sete, sonno, caldo e freddo e tutto nello stesso momento?

Capita a tutte no?

Abbiamo desiderato ardentemente le ferie per poi scoprire che con i bambini, così rilassanti poi non sono!!!

Ecco allora come creare un perfetto anti-stress in spiaggia!!

Non so se poi schiacciarlo o strizzarlo servirà a qualcosa, ma di sicuro vi regalerà una ventina di minuti liberi la sua preparazione!!

Ecco allora come realizzare il vostro Squishy fai da te anti-stress!

E se invece avete lo stress da rientro e non siete più in spiaggia... no problem!!
Basterà sostituire la sabbia con la farina!!

Ricetta Squishy fai da te

Ingredienti:
Palloncini
Sabbia o farina
Una botttiglia di plastica
Pennarello indelebile

Procedimento: 
37787436_10216572328922691_3375165363405717504_n

Tagliate il collo di una bottiglia di plastica in maniera tale da ottenere un imbuto.
Agganciate il palloncino alla bottiglia.
37833775_10216572328722686_8987201977205129216_n

Versate la sabbia (o la farina) dentro il palloncino fino a riempirlo.
37787892_10216572327682660_3382853402110197760_n
 Chiudete il palloncino con un nodo.




37777248_10216572327282650_1533550268111650816_n

Con il pennarello disegnate una faccia buffa e lasciate asciugare.

Preparatevi ora a tirarlo, strizzarlo, schiacciarlo come vi pare!!

37746607_10216572325922616_1530835140110974976_n

37796237_10216572325042594_4754097105214111744_n

37749296_10216572326482630_8788893024932331520_n

37753933_10216572324442579_2765998147380445184_n