Decorare torte e biscotti

By 11:37 , , , , , ,



 
Anche quest’anno il Natale porterà ai fornelli non solo chi la cucina la frequenta abitualmente, ma anche cuochi saltuari, fidanzate innamorate, piccoli intrusi e grandi pasticcioni.
Ma tutti, esperti e meno, vorremmo che i nostri dolcetti fossero sì buoni, ma anche belli!

Eccoci allora a ritrovarci a leggere di ricette di pasta di zucchero, mashmallow, cioccolato plastico, fondant, e coloranti vari.

Ecco io non sono proprio una patita di queste cose, perché, ve lo dico francamente, a me sembra che rendano tutto meno che appetitoso un dolce. Guardo il boss delle torte e penso: bellissime, non buonissime! Non mi attirano proprio!
Poi forse io esagero, perché non metto neanche lo zucchero a velo sulle torte per non aggiungere ulteriori zuccheri (a meno che non ci siano ospiti eh!). Però non potete darmi torto, e la torta è bella lo stesso anche con le sua crepette e le sue imperfezioni, anzi è più bella, perché sa di genuino e domestico! 

Capisco però che sui i bimbi le decorazioni possano avere il loro ascendente, perciò vediamo un po’ come fare!

Decido di partire con la pasta di zucchero, detta anche fondant, e cerco di capire cos’è questa specie di pongo edibile!

Così un sabato pomeriggio in cui la pupa e il marito sono in giro un’oretta per nonni, mi chiudo in cucina con zucchero a velo, miele e colla di pesce. E lì mi chiedo: ma cos’è questa colla pesce? Insomma di sicuro è qualcosa ricavato dai pesci no? 

Certo, il famosissimo pesce maiale!!! La colla di pesce in commercio oggi è preparata utilizzando la cotenna del maiale insieme a ossa e cartilagini di vari animali … bleah!
Scusate ma già qui mi passa la voglia! Scopro poi che però c’è un’alternativa a questa chicca, ovvero l’alga agar agar, che svolge meravigliosamente lo stesso compito della colla di pesce.
Ok, andiamo avanti, potrei quindi utilizzare quest’alga come gelificante. Cos’altro vedo? 500 gr di zucchero a velo! Uff! e dovrei usare tutto questo zucchero? E’ troppo! E’ stucchevole! Sento male ai denti solo a leggere la ricetta! 

Alla fine la torta l’ho fatta, ma ho scartato la pasta di zucchero così poi come faccio con tutte le torte del genere. Decido quindi che la mia avventura con le varie paste modellabili per dolci finisce qui.

Meglio imparare ad utilizzare bene il sac a poche e abbellire il tutto con qualche ricciolo di panna montata e una (parca) spolverata di zucchero a velo! E magari guarnire con qualche biscotto con una forma carina!

Ecco sì i biscotti. Alla fine una frolla ha la stessa consistenza di quelle paste modellabili di prima. Certo non posso usarla per ricoprire l’intera torta, ma posso guarnirla con qualche animaletto per renderla più appetitosa e simpatica per un nanetto.
Da qui il mio esperimento con questi biscotti di riso, ma potrete mettere la prova la vostra fantasia con qualsiasi tipo di biscotto il cui impasto lo permetta. E magari potrete anche coinvolgerli nella preparazione, i nanetti!

Anche i biscotti comunque hanno una folta tipologia di glasse per la loro decorazione. Ve lo devo ridire che per me sono più appetitosi senza?
Presa però da questi esperimenti decido glassare di verde i miei alberelli di riso! Cosa utilizzare? In genere vengono utilizzate queste due glasse: 

la ghiaccia reale: preparata mescolando con albumi e zucchero e, eventualmente con coloranti;

la glassa all’acqua: realizzata con zucchero a velo e acqua calda, e sempre eventualmente, con coloranti.
Decido di provare la prima, che utilizzando l’acqua mi sembra più leggera.

Ma come faccio il verde? Mi rifiuto di comprare un colorante alimentare, anche se con la dicitura naturale! Non sono noiosa, mi ho imparato a fidarmi poco!

E continua la mia sperimentazione sui coloranti alimentari fatti in casa …

Potrebbero anche interessarti

0 commenti