L’alfabeto vien mangiando!

By 15:41 , , , , , , , , , , ,



Quando ho visto questi taglia biscotti con i numeri e le lettere dell’alfabeto non ho potuto non comprarli!
Anche se Cecilia ha 18 mesi e forse è un po’ prestino per preoccuparsi della cosa, ho pensato che potevano essere un modo carino per avvicinarsi all’alfabeto! 



[ve l'ho detto che riconosce sui libri già la lettera "i" e la lettera "o"!? Un genio!? stop. fine pausa mamma rinco! ]

I più grandini invece possono divertirsi a comporre le prime parole, o a metterli in ordine, prima di divorarli!

Oppure, che ve lo dico a fa, potete usarlo per lasciare dei messaggini alla vostra metà … non fraintendetemi, niente ti amo e mi manchi, quanto più “vai in lavanderia!” o “lavami la macchina”!
Ultima idea, potete preparare dei biscottini dolci o salati con le iniziali dei vostri invitati, e possono diventare dei chic-chissimi segnaposto!

Per inaugurarli ho voluto sperimentare questi biscotti al farro perché ahimè, abbiamo un nuovo nemico in cucina!
Oddio passatemi il termine, non voglio passare per la talebana salutista di turno!

Ma credevo di essere stata brava a indirizzare la mia spesa sul biologico il più possibile, credevo di essere molto consapevole nell’aver deciso di preparare quante più cose possibili in casa; pensavo si essermi superata, cercando di limitare le proteine animali e addirittura pure gli zuccheri raffinati!
E ora cosa scopro che pure la farina 00 fa male?!

Che ?^%=^!

Ma andare a fare la spesa in un qualsiasi supermercato significa firmare un contratto di lento avvelenamento??
In pratica, tra gli alimenti raffinati industrialmente da assumere con moderazione dobbiamo aggiungerci anche la farina 00.
Ora, per me che ne consumo a kili, logicamente biologica, è un duro colpo! E cosa scopro in più?
Che la farina biologica 00 è un paradosso, perché i pesticidi rimangono nella parte integrale, cioè nel germe e nella crusca, e dunque sono eliminati col processo di raffinazione che porta alla 00.

Bella tonta, dato che logicamente quella biologica costa di più!
Quando leggo queste cose mi sento vagamente presa in giro…!
Comunque … potete leggere questo articolo che ho trovato piuttosto interessante! Tanto per ribadire che l’industria dell’alimentazione è una bella schifezza!

Perciò quarto step della mia crociata ai fornelli è cercare di sostituire questa benedetta farina 00 con farine meno raffinate!
Dato che nel mio cassettone della penisola faceva la nanna un bel sacchetto di farina di farro con cui avevo preparato una pizza buonissima (presto la pubblicherò), ho deciso di partire da lei!
A me piace molto il sapore di queste farine, ma per chi si vuole avvicinare più gradualmente a questi sapori può utilizzare anche metà farina 0 o 00 e metà di farro. E questo vale per tutte le preparazioni!


In più qui la ricetta prevede lo zucchero di canna integrale (attenzione non è quello che si trova al supermercato!), che è stata una piacevolissima scoperta! Secondo me dà ai dolci quella marcia in più con il suo retrogusto di caramello, dovete provarlo assolutamente!

Il risultato è un biscottone rustico molto buono, ancora più buono se inzuppato in una bella tazza di quello che preferite voi!
Ma la mia ricerca del frollino salutare perfetto continua … !

Frollini al farro senza burro
Ingredienti:
200 g farina di farro integrale
80 g zucchero di canna integrale
50g olio di mais (in alternativa d’oliva o di semi)
1 uovo
1 cucchiaino di polvere di vaniglia (oppure scorza di limone naturale grattugiata)
1 cucchiaino di polvere lievitante (in alternativa bicarbonato)

Procedimento:


In una ciotola amalgamate gli ingredienti secchi: farina, zucchero, vaniglia(o scorza di limone), lievito. Aggiungete l’olio e mescolate con un cucchiaio fino ad ottenere un composto bricioloso, più o meno come nella sfoglia classica.  Aggiungete poi l’uovo e amalgamate fino a creare un composto omogeneo.


Stendete l’impasto e ritagliate i biscotti della forma desiderata e, dopo averli disposti su una teglia rivestita con carta forno, infornateli a 180° per 10/12 minuti (non fateli diventare duri!).






Potrebbero anche interessarti

9 commenti

  1. Ciao! Carino il tuo blog, pieno di ricette da provare (quando ne avrò il tempo!;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!! Immagino... dato che ho visto che sei diventata mamma bis!!! chissà che impegno!! Da un lato non vedo l'ora anche io, però poi mi viene un po' di paura al pensiero... "ce la farò?!?"

      Elimina
  2. wow, i miei biscottini hanno fatto una cura ricostituente e di bellezza hehe :-) sono contenta che ti siano piaciuti.
    per le farine raffinate: io l'ho scoperto 10 anni fa ed è stato un fulmine a ciel sereno, pensavo che le cose integrali fossero solo roba da dieta...e invece no. ora non ne riesco a fare a meno. tu pensa che ci rimuovono tutte le vitamine e i minerali dai cereali raffinandoli e poi rivendono il tutto alle industrie farmaceutiche che li riutilizzano per farmaci e prodotti di bellezza e ce li rivendono...doppia presa in giro.
    mi sto sbirciando il tuo blog, ed ho già trovato e provato diverse ricette che mi ispiravano, poi ti faccio sapere ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo, aspetto tue notizie!
      Io sono in fase di piena scoperta e sperimentazione!
      Beata ignoranza mi viene da dire... perchè più mi informo più rimango sbigottita su quando sia "immorale" l'industria dell'alimentazione! insomma c'è la nostra salute in ballo!
      Io non sono ancora brava come te, ma dare un po' il giro alle farine è già un buon inizio (anche perchè ho un marito veramente difficile per queste cose! se una cosa gli piace e poi scopre che è integrale... lo vedi che quasi non gli piace più!!!).

      Elimina
    2. Ah e grazie ancora per la ricettina!!

      Elimina
  3. Che stampi belli!! Dove li hai presi??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Li ho comprati su internet! Se ti interessa scrivimi che ti mando il link!

      Elimina
  4. salve!!! ho fatto un giretto sul tuo blog e devo dire che le ricette proposte sono tutte sfiziose e da provare.... ho deciso di iniziare con questi biscotti al farro, ma devo dire che io ho dovuto aggiungere dell'olio perché con 50 grammi l'impasto era ancora troppo secco, è giusta la dose???
    grazie Alessia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi di sì, tra l'altro come puoi leggere sopra la ricetta è presa da un altro blog, e sono ri-andata a controllare e le ne usa anche meno, 45g!
      A volte cmq da una farina all'altra cambia, l'importante è che ti siano venuti buoni... com'erano??
      io quando ho un impasto di torte o biscotti troppo secco o asciutto aggiungo in genere latte o acqua!

      Elimina