I biscotti di farro, Oscar, lo scoiattolo, la lingua lunga, e la coda …

By 11:30 , , , , , , , , , ,


Questi biscotti di farro sono semplicemente d-i-v-i-n-i!

La ricetta originale prevedeva l'uso del miele ma ho letto su diverse fonti che il miele, superata una certa temperatura, diventa tossico per il nostro organismo... Ora non sono riuscita ad appurare la veridicità di questa notizia, ma sicuro è che superati i 38 gradi il miele perde tutte le sue proprietà e caratteristiche, diventando un semplice dolcificante.


Per questi motivi ho preferito sostituirlo con del malto di mais, reperibile in qualsiasi supermarket di prodotti naturali/biologico!

In realtà non ero troppo confidente nel preparare questa ricetta, perché i miei esperimenti con il connubio malto biscotti non avevano dato mai buoni frutti (mentre con le torte ho ottenuto sempre ottimi risultati)... invece sono stati una vera rivelazione!

Forse il trucco sta nello sciogliere il malto nel succo di frutta … In qualsiasi caso sono buonissimi!

Per quel che riguarda la scelta del succo di frutta, è a vostra discrezione! Io avevo in frigo una bottiglia di succo di mele e ho usato quello … sono venuti super! E pensare che a me il succo di mele non piace neanche!

Bene! Ma che centrano Oscar, lo scoiattolo, la lingua lunga, e la coda?

Beh leggete qui:


Oscar era un bambino prepotente e maleducato: prendeva in giro gli amici, rispondeva alla maestra, faceva dispetti e rubacchiava qua e là giochi e merendine. Era così prepotente e maleducato che alla madre aveva fatto venire i capelli bianchi, e al padre li aveva fatti tutti.

Un giorno Oscar stava camminava per la strada quando, calciando un sassolino in direzione di un albero, sentì un forte miagolio e un gatto scappare.

Il bambino si avvicinò subito sghignazzando, tronfio di avere combinato un altro bel dispetto a un gatto, ma quando fu sotto all’albero, si trovò davanti un piccolo scoiattolo.

L’animaletto subito gli salto al collo, lo baciò e lo ringrazio, perché gli aveva salvato la vita. 

Mentre continuava a girargli attorno e ad accarezzarlo con la coda, lo scoiattolo spiegò ad Oscar che lui era uno scoiattolo speciale, e per ringraziarlo gli avrebbe regalato un desiderio: qualsiasi cosa avrebbe espresso si sarebbe avverata!

In quel momento Oscar si accorse che dall’altra parte della strada un gruppo di ragazzi lo stava guardando e deridendo per le carezze dell’animaletto. “Oscar si è rammollito” sentiva vociare. E tutti giù a ridere.

Così il bambino, preso dalla stizza, scansò lo scoiattolo con uno strattone e gli urlò: ”che mi venga una coda lunga come la tua, se perdo tempo con uno come te!”.

E corse a scuola.

Mente Oscar stava come al solito facendo dispetti ai compagni, all’improvviso si sentì colpire da un prurito tremendo al fondo schiena. Cercò di ignorarlo ma il prurito diventò così forte che si dovette per terra, contorcendosi nella speranza di grattarsi contro una sedia o il pavimento, nell’ilarità totale della classe. 

E mentre Oscar si trovava lì, preso in giro da tutti quelli che solitamente erano oggetto dei suoi scherzi, PUF!, all’improvviso esplose dai pantaloni una grande coda morbida da scoiattolo.

Lo scoiattolo, volendo punire il bambino per la sua maleducazione ed ingratitudine, aveva preso l’imprecazione di Oscar come il suo desiderio!

Passavano i giorni e Oscar non voleva uscire più di casa e rimaneva a letto piangendo e giurando che non avrebbe mai trattato più male nessuno.

Lo scoiattolo, vedendo che il pentimento di Oscar era sincero, gli fece sparire la coda, ma gli promise che gli sarebbe tornata se si fosse comportato ancora male.

Da quel giorno Oscar è un bravo bambino, gentile con i compagni e con chi incontra per la strada. Alla madre sono tornati i capelli biondi e al padre sono cresciuti i capelli lunghi. E quando è tentato di combinare ancora qualche marachella gli sembra ancora di sentire così tanto prurito al fondoschiena, che subito desiste dalla sua idea!



Biscotti al farro con malto e zucchero integrale

Ingredienti:
320g di farina di farro
100g di olio di semi (io ho usato olio di mais)
70g di malto di mais (oppure miele)
50g di zucchero di canna
100g di succo di frutta (io ho usato il succo di mela..) 
una bustina di polvere lievitante

Procedimento:
Mettete in un pentolino il succo di frutta, il malto e lo zucchero e scioglieteli a fiamma bassa, mescolando continuamente.
Mettete la farina in una ciotola insieme al lievito, aggiungete il succo con gli zuccheri e mescolate. Aggiungete poi anche l’olio e impastate fino ad ottenere un impasto morbido ma che possa essere lavorato (io ho dovuto aggiugnere altri 20g di farina).

Stendete l'impasto con un mattarello e con un tagliabiscotti ricavate tante formine.
Cuocete in forno caldo ventilato, a 170° per circa 12-15 min.



Con questa ricetta partecipo al contest di Bambini Golosi e Indovina chi viene a cena "La singolar tenzone"  


e al contest di Mezzaluna:



Potrebbero anche interessarti

12 commenti

  1. Ciaoooo, grazie mille per aver partecipato al nostro contest!!!! i tuoi biscottini sono buonissimi, come sempre, e presto li voglio rifare per i miei cuccioli!!!

    RispondiElimina
  2. che bei biscottini, sarebbero l'ideale domattina per colazione!

    RispondiElimina
  3. Bellissimi biscottini e che bella storia hai inventato! complimenti

    RispondiElimina
  4. Grazzzzzzzzzzzzzzzzzzie per la partecipazione tesoro!!! Che bella favola!
    Metto subito il link negli sfidanti!!
    Buona vita!!
    Sandra

    RispondiElimina
  5. ciao..bello il tuo blog e le tue ricette..io ti ho copiato gli hamburger di lenticchie..favolosi...nn sembravano lenticchie..un bacioo marya

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie!!!!! sono contenta che ti siano piaciuti!!
      come dicevo... se sono chicco approved... c'è da fidarsi!!!

      Elimina
  6. grazie a tutte!!! questi biscottini meritano davvero... chi l'ha detto che le cose sane non sono buone???

    RispondiElimina
  7. bravissima! troppo carina l'idea, sia la storia che i biscottini..da mamma e maestra so bene quanto i bambini apprezzino...!

    RispondiElimina
  8. ciao grazie per la tua fiaba!! :)

    RispondiElimina
  9. Buongiorno, io e Arianna vorremmo ringraziarti per aver partecipato alla nostra sfida: senza di te non sarebbe stata la stessa cosa. Abbiamo eletto i vincitori, vieni a vedere..... Siamo veramente contente del successo che ha avuto la sfida visto la richiesta anche dello scritto oltre che della ricetta, quindi: GRAZIE!!!
    Alla prossima sfida..
    Sandra e Arianna
    La singolar tenzone
    http://sonoiosandra.blogspot.it/2012/05/vincitori-singolar-tenzone.html

    RispondiElimina
  10. Ciao Cinzia, per prima cosa stra complimenti per il blog... Sto facendo man bassa delle ricette! Alimentazione sana e idee originali sono un mix fantastico.
    Questi biscotti sono i preferiti del mio bimbo, appema riesco li faccio e vanno a ruba :-)

    RispondiElimina