Biscotti cacao e nocciola senza burro e uova (vegan)

By 10:57 , , , , , , , , , , , , ,


Cacao e nocciola, uno dei miei abbinamenti preferiti!
Come renderlo rendere questi biscotti ancora più appetitosi? Trasformandoli in divertentissimi smile!

La frutta secca poi aiuta i nostri dolci a diventare un po' più sani, perché arrichiscono la ricetta di  antiossidanti, fibre e vitamine!

Leggi anche: 10 trucchi per dolci più sani!

Questi biscotti cacao e nocciola sono divertentissimi da preparare insieme ai bambini, e poi da sgranocchiare!

I nostri biscotti sorridono tutti ma (ci ho pensato solo dopo averli preparati) ci si può divertire a giocare cercando di rappresentare altre emozioni: la rabbia, lo stupore, la noia e tutto quello che vi viene in mente! 

Sono sicura che i nostri bambini avranno molte più idee di noi, e troveremo un modo goloso e divertente per parlare di una cosa molto seria: le emozioni. e di quanto sia importante esternarle e capirle!

Secondo me è un concetto molto importante, perché i bambini spesso si trovano a dovere gestire sentimenti nel loro corpo e nel loro cuore che non conoscono, e che a volte devono imparare a gestire!

In più spesso siamo noi stessi adulti ad impedirgli di vivere le loro emozioni: "Non piangere!", "Non ti arrabbiare!". Quante volte ripetiamo frasi come queste in una settimana?

I bambini hanno il diritto di piangere e arrabbiarsi, quello che secondo me dovrebbo spiegargli è come riuscire a superare e gestire questi stati d'animo, senza però pretendere che smettano di piangere a comando, sopprimendo il loro stato.

Quando Cecilia aveva qualche problema di nostalgia all'asilo, mi raccontava che a volte durante la mattina le veniva da piangere pensando a me, ma che si doveva nascondere perché una delle maestre non voleva che piangesse nessuno. 

Ovviamente questa frase va filtrata, sicuramente la reazione di questa maestra di fronte a mia figlia che magari aveva un periodo in cui piangeva ma poi le passava, era sbrigativamente quello di dire: "Non piangere!"

Lei in quel momento però aveva bisogno di piangere, esternare questo suo disagio con il pianto era salutare.
Questo mi ha fatto molto riflettere su come a volte per fretta, ma anche perché certo, non vorremmo mai vedere i nostri bambini tristi o arrabbiati, non gli lasciamo vivere e capire le loro emozioni!

Secondo me è standogli vicino, dicendo che capiamo il loro stato d'animo, che a noi stessi capita di sentirci così, e trovando poi una soluzione alla questione, che otterremo un vero risultato!
E cresceremo bambini iù sereni, capaci di vivere emozioni, di comprenderle, di gestirle e superarle!

Ricetta biscotti cacao e nocciola
(senza burro, senza uova, senza lattosio, vegan)

120g di farina tipo 2 (o quello che preferite)
30g di cacao amaro
80g di nocciole tostate
Mezza bustina di polvere lievitante
35g di olio extra vergine di oliva
70g di latte vegetale
40g di zucchero di canna integrale
 



Mettete le nocciole in un mixer e tritatele a farina. 
In una ciotola aggiungete le nocciole così tritate, la farine, il lievito, lo zucchero, il cacao.
Aggiungete l’olio e mescolate.
Unite infine il latte e mescolate, prima con un cucchiaio, poi con le mani, fino ad ottenere un impasto molto morbido. Se necessario aggiungete un altra farina o latte.
Stendete l’impasto così ottenuto ad uno spessore di circa mezzo cm.
Con un bicchiere o un tagla pasta circolare tagliate tanti cerchie e adagiateli su una teglia ricoperta di carta da forno.

 
Con una cannuccia praticate i buchi per gli occhi.
Con vari oggetti (stuzzicadenti, tappi di bottiglia, coltelli di plastica) ricavate le espressioni dei vostri biscotti.
Cuocete in forno caldo ventilato a 180° per circa 12-15 minuti.






Potrebbero anche interessarti

3 commenti

  1. Tocchi un argomento che mi sta molto a cuore. Se riusciremo ad educare i nostri figli all'espressione dei sentimenti, e non alla loro soppressione, sicuramente daremo il nostro contributo per un mondo di adulti più sereni. Nei miei studi ho appreso che dare un nome alle proprie emozioni è difficile e non ne siamo allenati. Alla mia bimba cerco di insegnare questo, senza imboccarle le parole, ovviamente. Secondo me hai fatto bene a scriverne sul blog!
    I biscotti li farei subito se avessi le nocciole..peccato siano finite nelle palline coi datteri!

    RispondiElimina
  2. Hai ragione, anche secondo me i bimbi devono poter esprimere le proprie emozioni in modo libero e liberatorio (scusa il gioco di parole..).
    Deliziosi i tuoi biscotti, sani e divertenti ^_^

    RispondiElimina
  3. Favolosa la ricetta e il pensiero.... I bambini capiscono ogni emozione e devono imparare a capirle e a viverle serenamente.

    RispondiElimina