La polenta nella polentiera automatica

By 13:38 , , , , , , , , , ,


La polenta è uno dei piatti della tradizioni di casa nostra, perché nelle mie vene scorre sangue romagnolo misto a sangue veneto!
Mio papà è di Rimini, e mia mamma di Venezia, perciò la polenta qui è una cosa seria!
La ricetta e i trucchi per fare una super polenta sono stati tramandati da mia nonna Ilia a mio papà, dato che per prepararla ci vuole un braccio allenato (bisogna mescolare e mescolare per un bel po'!).

Quando qualche anno fa mio papà ha avuto un problema di salute per cui non ha dovuto fare sforzi per un breve periodo, abbiamo pensato di fare entrare in casa questo aiutante prodigioso: la polentiera automatica! Non sapevamo se la polenta cotta nella polentiera sarebbe stata uguale a quella cucinata a mano, ma piuttosto che rimanere senza abbiamo deciso di provare!


Il risultato per fortuna è esattamente identico, tanto che ora la polenta la prepariamo solo così!
La polenta nella polentiera automatica è buonissima, e si risparmia tempo e fatica, perché mentre lei gira e rigira noi possiamo metterci a fare altro!
Io lo considero un ottimo investimento!
Mi raccomando, se state valutando l'acquisto assicuratevi di acquistarne una di qualità, che abbia la pentola ed i paiolo in rame!
Utilizzarla è semplicissimo!


La polenta poi è un ottimo piatto da preparare per noi e i nostri bambini!
Ha infatti meno calorie della pasta a favore di un alto potere saziante, ed è naturalmente priva di glutine! 

Durante la settimana, quando si ha meno tempo, io preparo quella precotta, mentre la domenica è il giorno della polenta seria!

Se potete scegliete una farina di mais integrale e biologica, macinata a pietra.
Un'altra ottima alternativa è la polenta taragna, che si preparecon un mix di farina di mais e di grano saraceno (in genere si trova già pronta in sacchettini)!
Un altro ottimo modo di consumare anche il grano saraceno, un cereale ricco di proprietà.

 

Preparare la polenta con la polentiera automatica è semplicissimo, e più o meno si procede come se la si stesse facendo senza, con l'aiuto di qualcuno che mescola la nostro posto!
Si mette la polentiera sul fuoco, senza paiolo meccanico, con la giusta quantità di acqua e sale, e si porta a bollore (noi in genere mettiamo 4 litri di acqua per 1 kilo di farina di mais integrale). 

A quel punto si versa la farina della polenta un po' alla volta e si mescola con una frusta per evitare la formazione di grumi. Una volta amalgamato il tutto si può attaccare il paiolo meccanico, che continuerà a mescolare lentamente per tutto il tempo della cottura della polenta (circa 40 minuti-1 ora).


Una volta pronta si stacca il paiolo, e si rovescia la polenta sul nostro piatto di portata!

Una volta la mangiavamo accompagnata dallo spezzatino, mentre ora preferiamo un sugo di pomodoro e piselli, dei funghi o del formaggio!
Un perfetto piatto unico sano e saziante!

Potrebbero anche interessarti

0 commenti