Bambini all’aria aperta anche d’inverno: istruzioni per l’uso!

By 08:58 , , ,

4259815196_88d50e86e0_o

Quest'anno per noi l'inverno è iniziato in anticipo, anche se in realtà ancora non è iniziato!

Dico così perché in genere le prime influenze hanno sempre fatto capolino non prima di Novembre, mentre sono arrivate molto prima!

Così abbiamo passato buona parte dell'autunno ancora mite in casa, e ora che le bambine stanno bene ci ritroviamo con l'arrivo del freddo!

Dobbiamo allora chiuderci ancora in casa?

Aiuto! Proprio no!

Ci si copre bene, e si cerca di stare all'aperto il più possibile!

Fortunatamente noi abitiamo molto vicino alla scuola elementare di Cecilia, e abbastanza vicino all'asilo di Carolina. Per questo il mantra è sempre uno: a scuola e all'asilo si va a piedi.

L'inverno e il freddo non ci bloccheranno, anche perché le statistiche ci dicono, che i bambini che si ammalano meno sono proprio quelli che passano più tempo all'aria aperta anche nelle stagioni rigide.

Ormai tutti i pediatri hanno infatti smentito l'associazione freddo- raffreddore, o influenza, e piuttosto sono tutti concordi nell'affermare che stare all'aria aperta, anche se fuori è freddo, è molto salutare.
Una passeggiata all'aperto infatti riduce il contagio con chi è già raffreddato o influenzato e permette ai polmoni di ripulirsi. Se c’è il sole ancora meglio, per la vitamina D.

RI4415D_090RI4418E_365RI4411D_110

Ricordo che durante gli anni dell'asilo di Cecilia diverse mamme si lamentavano perché i bambini venivano portati spesso in cortile anche in inverno, mentre io dentro di me ridacchiavo e ringraziavo le maestre per essere così moderne! Nei luoghi chiusi, se c'è qualcuno di raffreddato (e all'asilo c'è sempre più di qualche bambino con tosse e raffreddore in classe) si aumenta solo la possibilità di contagio!

Naturalmente, è importante coprirsi: cappelli, sciarpe e guanti devono essere sempre indossati.

RI9006E_001RI90073_470RI9001D_660

In generale vale questa regola: i bambini più piccoli, nei primi anni di vita, devono essere coperti un poco di più di quanto ci vestiamo noi, perché hanno minori capacità di termoregolazione.

Gli altri invece potranno coprirsi come noi: un buon giubbotto imbottito che li ripari dal freddo e dal vento, e poi cuffia, sciarpa e guanti, per avere orecchi e gola sempre coperti.

E poi via, una bella passeggiata o una corsa nel parco, e l'inverno sarà meno lungo e molto più divertente (e sarà di sicuro salutare anche per noi genitori).

Giubbotti, cuffie e sciarpe di Esprit

Potrebbero anche interessarti

0 commenti