Ciocorì e biancorì

By 15:16 , , , , , , ,



Non so se queste barrette esistano ancora perché è da un bel po’ che non vedo il loro simpatico castorino spuntare tra gli scaffali vicino alle casse dei supermercati (sì perché quei bastardi ti schiaffano proprio lì tutte le loro tentazione miste a schifezze, così anche il più distratto dei bambini non potrà non accorgersene!! Manca solo che ci mettano un lampeggiante!).

Io le ho amate molto e ho ancora qualche piccolo flash in cui ricordo la gioia di mangiarle …
Quindi quale cosa migliore che rifarcele in casa??

E con solo due ingredienti, il cioccolato (bianco per il biancorì), al latte (o fondente) per il ciocorì, e il riso soffiato!

Di questo dolcetto si trovano tantissime ricette, ma sapete che sono noiosa e devo fare le mie critiche: scappate da quelle che aggiungono pezzetti di altre barrette (che al loro interno contengono di tutto) o che aggiungono il burro! L’unico motivo per cui si aggiunge il burro in questa ricetta è per non fare bruciare il cioccolato nel pentolino. Inconveniente che si può tranquillamente evitare sciogliendo il cioccolato a bagnomaria! Fonderà senza alcuna aggiunta, lo mescoleremo al riso soffiato e il gioco è fatto! E senza dovere aggiungere altri grassi ancora!

Biancorì

Ingredienti
Per il biancorì:
200 g cioccolato bianco (di buona qualità)
30 g riso soffiato integrale
Per il ciocorì:
200 g cioccolato al latte o fondente (o anche un mix)
30 g riso soffiato integrale

Procedimento:


Prendete una pentola e una ciotola di vetro che possa essere posizionata sopra la pentola a mo’ di coperchio. Mettete un po’ d’acqua nella pentola, appoggiate la ciotola di vetro sopra (non deve toccare l’acqua) e spezzettateci dentro la cioccolata bianca.
Accendete la fiamma e attendete che il cioccolato di sciolga del tutto.
Quando questo è avvenuto versate il riso soffiato (potete anche aumentare o diminuire le dosi in base ai vostri gusti, secondo me più ce n’è, meglio e!), mescolate con un cucchiaio e poi versate tutto il composto (prendete la ciotola con un guanto da forno perché sarà molto calda) il una pirofila rivestita di carta da forno e livellate con un cucchiaio.
Io ne ho scelta una piccola perché questa volta volevo fare delle barrette, se volete del biancorì o ciocorì più sottile mettetelo in una pirofila più grande.

 
Attendete che si raffreddi un po’, poi mettetelo in frigo 4 ore a solidificare.
Tiratelo fuori, tagliatelo a fette, et voilà, è pronto!
[per evitare di romperlo, più che un taglio netto è meglio se lo tagliate delicatamente utilizzando il coltello come una sega]

Per il ciocorì ripetete lo stesso procedimento con il cioccolato al latte o fondente!

Potrebbero anche interessarti

5 commenti

  1. Esistono ancora :) c'è anche l'uovo di pasqua: FAVOLOSO!!! lo trovi alla conad.. io cmq sono biancorì-dipendente quindi grazie della ricetta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uh come mi manca quel simpatico castorino!!!!

      Elimina
  2. esistono esistono anche io li adoro....ora proverò a farli.....

    RispondiElimina
  3. Grazie della ricetta. Anche a me pareva strano dover aggiungere dei M... nel ciocorì.
    Una curiosità: Mammarum deriva da Mamma, ae? ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!!!! Qualcuno che finalmente lo ha capito!!! ;) ;) di solito mi pensano che sia mamma-rum... insomma non sono mica un'alcolista!!! ;) ;)

      Elimina